Il surrealismo magico di J&PEG in mostra a Firenze

1+1=1 - 2007 - J&PEG

Achille Bonito Oliva è il curatore di "Working Mates", la prima personale di J&PEG visibile alla Galleria Poggiali e Forconi di Firenze dal 20 aprile al 19 luglio.

J&PEG è il nome d'arte di Antonio Managò e Simone Zecubi che richiama il formato delle immagini digitali utilizzate nel loro processo creativo, che combina scenografia, fotografia, pittura e computer grafica. Gli artisti creano degli scenari piuttosto complessi e surreali per i loro quadri, fatti di situazioni improbabili, di strani personaggi, di costruzioni di modellini, set cinematografici, scatti fotografici e anche interventi pittorici. I fondali come si nota dalle immagini sono neri con elementi di colore che risultano ancora più contrastanti.

J&PEG cercano di costruire l'atmosfera magica ed enigmatica del sogno, carica di ambiguità e mistero.

Working Mates - J&PEG - Galleria Poggiali e Forconi - Firenze
1+1=1 - 2007 - J&PEG
Canned Meat - 2007 - J&PEG
I want to change the game - 2007 - J&PEG

La mostra è distribuita su due spazi. Le 15 opere inedite di grande formato si trovano nella sede storica della galleria mentre l'installazione site specific, "Ten Seconds to Midnight", è disposta nell'officina adibita per l'occasione a project room completamente oscurata.

L'immagine di copertina "1+1=1" è l'autoritratto dei due artisti.

  • shares
  • Mail