I fantasmi di strada di Paolo Cirio: da Google Map alla street art

Street Ghosts - Paolo Cirio

Conosciuto a livello internazionale per le sue oper'azioni di net-art, torinese di nascita e newyorchese d'adozione, Paolo Cirio si definisce un Subversive Media Artist, collocando la sua ricerca beyond media art. My artwork investigates the power of information, and thus human languages, the flow of communication and related media.
Informazione, linguaggio, flusso della comunicazione e media correlati, un percorso, il suo, che richiama alla mente il portato di molti universi subculturali evolutisi tra la fine degli anni ottanta e i primi anni zero. Una ricerca che ha a che fare con comunicazione guerriglia, tactical media, net-activism e che cerca di scavare in profondità nei meccanismi sociali e politici.

Street Ghosts - Paolo Cirio
Street Ghosts - Paolo Cirio
Street Ghosts - Paolo Cirio
Street Ghosts - Paolo Cirio
Street Ghosts - Paolo Cirio

Uno dei suoi ultimi lavori si chiama Street Ghosts ed è il tentativo di portare in vita i fantasmi di Google Street View. Vi è mai capitato di entrare in modalità street view sulle Mappe e di imbattervi in persone fotografate per caso dalle macchine di Google? Nel rispetto della privacy individuale le foto vengono sfocate in corrispondenza dei volti, ma in definitiva molti altri aspetti rimangono visibili. Chi sono queste persone e cosa stavano facendo?
Paolo Cirio le 'scontorna', le rende a grandezza naturale, le stampa a getto d'inchiostro su carta patinata, e le attacca proprio dove le ha prese, nei siti più alla moda per la Street Art internazionale, le strade di Berlino, Londra e New York.
Un lavoro da segugio nello scovare le apparizioni dei fantasmi sui Google Maps, che – provare per credere, a volte compaiono nel breve istante di un fotogramma, un passo, un tocco di freccia.
Dentro c'è tutta una riflessione sulle “estetiche” della privacy (e se quella persona passa di lì tutti i giorni vestita nel solito modo, basta una sfocatura?), “biopolitica, questioni tattiche e legali”, come sostiene lo stesso artista.
Da una parte è vero che, come molta street art, l'operazione di Cirio è illegale, ma più che altro la domanda si sposta su Google, che senza chiedere il permesso a nessuno, ma in nome dell'utilità di uno strumento di mappatura e geolocalizzazione, è “andata in giro per ogni città del mondo a scattare foto senza nemmeno avvertire la polizia, o la pubblica amministrazione".

Street Ghosts - Paolo Cirio
Street Ghosts - Paolo Cirio
Street Ghosts - Paolo Cirio
Street Ghosts - Paolo Cirio
Street Ghosts - Paolo Cirio
Street Ghosts - Paolo Cirio
Street Ghosts - Paolo Cirio
Street Ghosts - Paolo Cirio
Street Ghosts - Paolo Cirio
Street Ghosts - Paolo Cirio
Street Ghosts - Paolo Cirio
Street Ghosts - Paolo Cirio

  • shares
  • Mail