Un appello per Ingres dall'MBA di Lione


Lo aveva già fatto tre anni fa il Museo del Louvre, che grazie ad un appello al pubblico era riuscito ad acquisire "le tre grazie" di Cranach, con una generosa partecipazione per un totale superiore al milione di euro. Oggi è il Museo delle Belle Arti di Lione a riprovarci, per realizzare il desiderio di aggiungere alla sua ricca collezione pittorica, un'opera di Ingres. La tela in questione è "L'Aretino e il messaggero", e rappresenta un episodio leggendario della vita del celebre scrittore italiano del Rinascimento Pietro Aretino. Un tesoro che val bene una sottoscrizione pubblica, aperta fino al 15 dicembre nella speranza di raccogliere gli 80.000 euro necessari a finalizzare l'acquisto del quadro, il resto della cifra sarà finanziato dalla stessa città francese e da altri enti locali (per un totale di 750.000 euro).

Tutti i mecenati volontari avranno l'onore di vedere il proprio nome inserito nella lista dei ringraziamenti pubblicata sul sito (salvo espressa richiesta contraria) e riceveranno un pass per ammirare l'opera di Ingres ospitata presso il dipartimento di pittura del XIX° secolo. I contributori che avranno sborsato più di 150 euro beneficeranno di un accesso privilegiato di martedì, giorno di chiusura del museo, e i donatori di somme superiori ai 500 euro saranno invitati ad una serata privata alla presenza del direttore e dei curatori. Per montanti ancora maggiori gli interessati sono invitati a contattare direttamente la direzione, pronta a stendere veri e proprio "tappeti rossi".

Il protagonista del dipinto, sorpreso probabilmente in un momento inopportuno, come dimostrerebbero le due figure femminili nude che si stagliano ai lati, è proprio l'autore dalla nota "linguetta velenosa" che non si lascia comprare dal messaggero dell'Imperatore Carlo V. Considerando ben poca cosa la catena d'oro inviata dal sovrano in cambio della sua compiacenza, l'Aretino non esita a replicare con insolenza, pronunciando un'affermazione che resterà incisa nella storia:

si tratta di un regalo fin troppo scarso per una così grande stupidità

Via | mba-lyon.fr

  • shares
  • Mail