Carlo Carrà 1881-1966, una mostra gratuita alla Fondazione Ferrero di Alba

Carlo Carrà: donna sulla spiaggia

Diciotto anni fa la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma dedicava una grande retrospettiva all'opera di Carlo Carrà. Dopo le sostanziose celebrazioni del futurismo, che l'hanno visto apparire in molti allestimenti nel 2009-2010, oggi la Fondazione Ferrero di Alba riannoda i fili del percorso biografico ed artistico del pittore piemontese. L'intento del percorso antologico curato da Maria Cristina Bandera è dunque di porre in risalto questa importante figura del panorma artistico del secolo scorso, alla luce di un ventennio di nuovi studi e di nuova critica.
Altro importante aspetto dell'iniziativa è l'accesso: Carlo Carrà 1881-1966 sarà visitabile gratuitamente da sabato 27 ottobre 2012 al domenica 27 gennaio 2013, grazie allo sforzo congiunto della Fondazione di Studi di Storia dell’Arte Roberto Longhi di Firenze e della Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte.

Carlo Carrà 1881-1966 - Fondazione Ferrero di Alba

Carlo Carrà: donna sulla spiaggia
Carlo Carrà: S. Giacomo di Varallo
Carlo Carrà: vele nel porto
Carlo Carrà: partita di calcio
Carlo Carrà con Roberto Longhi, 1935

La mostra si compone di 76 dipinti e divisa in 7 sezioni. Si parte dagli esordi divisionisti per essere subito immersi nei grandi capolavori del Futurismo. Poi la parentesi dell’‘Antigrazioso’, la Metafisica e il ‘Realismo mitico’, i paesaggi (dagli anni Venti in poi), le composizioni monumentali di figura degli anni Trenta e una selezione di nature morte realizzate negli anni sessanta.
Accompagna la visita il film documentario Solo me stesso (Italia 2012, 20’), commissionato dalla stessa Fondazione alla regista Clarita Di Giovanni.

  • shares
  • Mail