A Torino cinque mostre per l'Arte di fare la differenza

cinque mostre a torino l'arte di fare la differenza

Arriva a Torino un progetto innovativo che focalizza tutta l'attenzione sulla creatività artistica dei giovani talenti. Il titolo della serie di cinque mostre che partiranno con i vari vernissage del 19 ottobre e resteranno poi a porte aperte fino al 20 novembre, è "L'arte di fare la differenza".

L'idea di questo collettivo di mostre che andranno prossimamente in scena a Torino è quella di creare un avvincente punto d'incontro open minded per i giovani artisti che si affacciano al mondo dell'arte contemporanea, un meeting formativo per la creatività e l'espressione artistica, e un luogo dove mettere in discussione le prospettive di chi nell'arte contemporanea ci naviga già da anni, proponendo nuove e stimolanti visioni mentali.


Il punto d'incontro nasce dal dialogo con l'altro e dal confronto in un continuum di scambi dialettici che lasciano tracce nel cammino personale verso l'estro creativo e l'arte come mezzo assoluto di espressione. Work in progress che vuole svilupparsi come un laboratorio interdisciplinare di mediazione interculturale ed educazione all'arte di oggi, esplorando e sperimentando i linguaggi dell’arte contemporanea quali strumenti critici di lettura della realtà e delle collezioni museali. Il progetto vuole portare infine a riflettere sulle dinamiche socio-culturali dei giovani addetti al settore.

Cinque diversi centri espositivi sparsi per la città di Torino: Enrico Partengo, Mirko Dragutinovic, Virginia Gargano alla galleria Rizomi Art Brut in Corso Vittorio Emanuele II 28; Arianna Uda, Ario Dal Bo e Caterina Cassoni allo Spazio Bianco in Via Saluzzo 23/bis; Giulia Gallo, Isabella Mazzotta, Marcello Corazzi allo spazio InGenio Arte Contemporanea di Corso San Maurizio 23/E e Beatrice Rosso, Cheikh Diop, Simone Bubbico da nb:notabene in Via Bellezia 12/A e Daniela Leonardi, Marius Pricina, Michela Depetris da Cecchi Point Hub Multiculturale, Via Cecchi 17. Per tutti i dettagli, orari e work shop vi invito a visitare il blog ufficiale del progetto "L'arte che fa la differenza".

  • shares
  • Mail