Alla Biennale d'arte contemporanea Italia-Cina la protagonista è la natura

biennale d\\\'arte contemporanea  italia cina monza

Quando la tematica è la natura, sembra che l'arte parli la stessa lingua anche se a confrontarsi "creativamente" sono le due culture più antiche, ma agli antipodi come l'Italia e la Cina. Dal 20 Ottobre fino al 16 Dicembre, Monza rappresenterà la piattaforma ideale di confronto tra 120 artisti italiani e cinesi di diverse generazioni e diverse tecniche accomunati dalla tematica della natura. L'evento nella storica Reggia reale di Monza (ma anche con Progetti "collaterali" a Lissone e Mantova) vedrà sì protagonista la natura in continua crisi ed evoluzione, ma anche la mente contenitore naturale di esperienze e emozioni.
biennale d\\\'arte contemporanea  italia cina monza biennale d\\\'arte contemporanea  italia cina monza biennale d\\\'arte contemporanea  italia cina monza biennale d\\\'arte contemporanea  italia cina monza biennale d\\\'arte contemporanea  italia cina monza

I diversi linguaggi dell'arte di artisti come Lv Peng, Feng Zhengjie, Yang Na, Giorgio Griffa, Marco Cingolani e Robert Pan, si confronteranno per avvicinarci agli inconsueti punti di vista sulla natura: "caso urgente", o "luogo di pace", caos o perfezione, da condividere o da vivere in solitudine? Tradizione o punto di partenza per il futuro?

La rosa è la nostra vita , afferma l'artista cinese Lin Jingiing che il 21 Ottobre si è esibita per l'occasione in una performance live molto suggestiva. Con l'aiuto di un centinaio di volontari ha messo in scena l' azione della cucitura di duemila rose di colore rosa, trasformando questo delicato elemento della natura nel simbolo dell'esistenza.

Se per il fotografo Li Wei la vita tende a salire verso il cielo spinta da una gravità contraria, mostrandoci in "The baby leale away from the Earth" la voracità dell'uomo che vuole a tutti costi cambiare la natura, l'italiano Fabrizio Plessi con l'opera "Lava", formata da pietre basaltiche da cui si intravede un "cuore pulsante di lava", ci dimostra che anche l'occidente in fondo è un pò Zen. Più contrastato il rapporto con la Natura di Teresa Iaria con il video From String to Loop basato su teorie scientifiche che condizionano le nostre percezioni mentali dello spazio e del tempo.

Foto| By courtesy of Orsola Bollettini

  • shares
  • Mail