Private Flat #4. A Firenze appartamenti privati per l'arte contemporanea

Rimane solo la giornata di oggi (dalle 11 alle 19) per visitare 7 appartamenti privati di Firenze che si sono aperti per 3 giorni all'arte contemporanea (con accenni anche alla moda e al design). Lo segnalo, sia perché l'ho trovato un progetto giovane, carino, originale, e sia per fare in modo che chi non lo conosce può prendere nota per il futuro.

Ideato dal gruppo Meridiano 12 nel 2006, l'evento Private Flat #4 è giunto alla quarta edizione. Gli appuntamenti sono stati fino ad ora 2 all'anno, quindi con buone probabilità dovrebbe esserci un nuovo incontro in autunno.

All'interno degli appartamenti, 7 diversi gruppi curatoriali (giovani come gli artisti selezionati) hanno allestito la mostra in modo informale e con budget limitati. I progetti sono specifici e diversi tra loro, rispecchiando anche gli spazi a disposizione.

Le case a disposizione sono spesso quelle di uno dei curatori, quindi luoghi normalmente abitati (anche per questo l'evento dura lo spazio di un week end). Inizio con il pf #4.3 in via dell'Oca, un appartamento minuscolo, ma bellissimo con finestre che si aprono con vista sulla cupola del Brunelleschi.

In base a questa disposizione gli artisti hanno creato delle opere specifiche per il luogo. Per esempio i box luminosi di Massimiliano Pruneti sono una riflessione sul chiuso e sull'aperto, una finestra fotografica che rimanda a quella reale. E poi c'è la sorpresa della scatola. Attraverso il buco si ritrova in miniatura la stanza dell'installazione. Stesso principio di rielaborazione dello spazio/finestra per il collage di Stasya Panova. In bagno le minisculture di Samantha Harmon fatte con i rossetti (che con il caldo ormai estivo tendono a sciogliersi).

Per pf #4.2, i curatori di LAb.eilles hanno puntato sul food design, indagando l'estetica del gusto applicata al design. E molto carina l'idea di una caccia alle opere al buio (quella del video del post), pensata come conseguenza dei colori dello spazio, che non permettevano altra soluzione che il negativo, il buio. Di conseguenza la scelta di opere genere fumetto.

pf #4.0 è l'abitazione più grande dove sono esposte fotografie e video. Lo spazio è meno particolare rispetto agi altri flat, o le soluzioni meno innovative, ma forse sono le opere che mi sono piaciute di più. Soprattutto il video di Christian Niccoli (spero sia lui almeno), sulle percezioni e lo scambio di sguardi che i viaggiotori in metro si rivolgono casualmente tutte le mattine. Qui ci si riferisce a Berlino, ma il messaggio è valido per tutti i frequentatori di metropolitane.

pf #4.4 è rivolto soprattutto all'arte orafa, con esempi di lavori realizzati dagli artisti coinvolti nel progetto e proprio sul tavolo di lavoro di uno di loro (che abita l'appartamento) sono disposte alcune creazioni. pf #4.5 è da visitare nel tardo pomeriggio, non è chiaro l'orario, ma prima delle cinque ieri non c'era niente. E per i due restanti flat non ho avuto tempo, il che mi è dispiaciuto.

Qui pf #4 versione estesa.

  • shares
  • Mail