Bologna: apre il Mambo, nuovo museo d'arte contemporanea

Una delle sale del Mambo

Dopo il Mart e il Madre ecco il Mambo. Non si tratta del famoso ballo latino-americano ma del Museo d'arte moderna del comune di Bologna che verrà inaugurato sabato. Non entro nel merito di questi acronimi ormai abusatissimi, un po' come le mode che lanciano i calciatori, ma passo direttamente a parlare del nuovo museo che avrà una superficie espositiva di 9500 metri quadri negli spazi dell'ex Forno del Pane, in un'area dove già si trovano la Cineteca e diverse associazioni culturali.

A questo aggiungo una nota personale: la struttura, almeno a giudicare dalle immagini, è costituita da ambienti enormi, asettici, privi di colori e decisamente spogli. Una tendenza che mi sembra piuttosto diffusa quando c'è di mezzo l'arte contemporanea e che ritengo uno dei sistemi migliori per allontanare i visitatori.
Il giorno dell'apertura del museo comincerà anche la mostra "Vertigo – Il secolo di arte off-media dal Futurismo al web" curata da Germano Celant, in cui ripercorrendo le esperienze artistiche del secolo scorso, dalle avanguardie storiche in su, si evidenzia come la pittura e la scultura siano state relegate in secondo piano da nuove tecniche, da un "intreccio multimediale"; in pratica si afferma una sorta di interdisciplinarietà dell'arte, una commistione fra le varie tecniche, e i vari metodi espressivi. Per vedere altre immagini.

  • shares
  • Mail