Regole, obblighi e convivenza. Le opere di Ciprian Muresan a Milano

Compulsory rules (still da video) - 2008 - Ciprian Muresan - Courtesy Prometeogallery, Milano _ Lucca

"Compulsory Rules" è la nuova personale di Ciprian Muresan alla Prometeogallery di Ida Pisani a Milano, in mostra dal 1 luglio al 20 settembre.

Per l'occasione è stato realizzato dall'artista rumeno un progetto inedito concepito per lo spazio che lo accoglie, frutto della riflessione di un messaggio visto su di un cartellone.

Di fronte all'entrata della discarica di rifiuti di Cluj, città da dove proviene Muresan, c'è un cartellone che vieta di costruire temporaneamente o in modo permanente dei nuclei abitativi sul posto. Messaggio contraddetto dalla realtà, dato che proprio lì si trova una comunità Rom. Il viaggio tra rifiuti e baracche è documentato dalle fotografie e dal video dell'artista. La riflessione prosegue con una serie di ritagli di giornale dove si parla della convivenza di culture diverse, e cosa questo comporta. Il percorso espositivo si conclude con l'ultimo lavoro che consiste nella traduzione del Manifesto Comunista in alfabeto farfallino (che è un gioco linguistico per bambini).

Muresan ha partecipato con una mostra personale ad Art Basel 39, all'interdo di Art Statements, sezione dedicata ai giovani artisti, superando una selezione di oltre 290 artisti. E' uno dei fondatori insieme a Mircea Cantor e Gabriela Vanga di Version Magazine, e come linguaggio artistico usa il disegno, la pittura, la fotografia e il video.

Compulsory rules - Ciprian Muresan - Prometeogallery di Ida Pisani - Milano
Pionneer - 2007 - Ciprian Muresan - Courtesy Coll. Privata
Un Chien Andalou (frame da video) - 2004 - Ciprian Muresan

  • shares
  • Mail