Google dedica ad Auguste Rodin il Doodle di oggi

Il Doodle di oggi è dedicato allo scultore e pittore francese Auguste Rodin: 172 anni fa nasceva l'artista celebre in tutto il mondo per la sua opera "Il Pensatore", oggi conservata nel museo che porta il nome dell'artista. È un'opera - come si deduce facilmente dal titolo - che rappresenta un uomo immerso nella meditazione e che viene spesso identificata con la filosofia. Risalente al 1904 (ma in realtà lo scultore ne fece la prima versione in gesso nel 1880), faceva parte di un progetto ben più ampio: doveva essere la parte di una porta monumentale in bronzo del Musée des Arts Décoratifs a Parigi, che in realtà non verrà mai inaugurato.

Il Poeta - così era originariamente denominata la scultura - rappresentava Dante e la sua meditazione di fronte alle porte dell'Inferno. All'epoca, infatti, la Divina Commedia era un'opera di riferimento per gli innumerevoli spunti avventurosi e romantici. Già quando Rodin era ancora in vita la statua divenne oggetto di satira proprio per il simbolo intellettuale che assunse da subito.

Un altro riferimento al patrimonio culturale italiano è la nudità di tale opera, in pieno stile michelangiolesco: nel 1875, dopo essere stato rifiutato dal Salon, venne in Italia per studiare Michelangelo e lavorò fino alla morte nel tentativo, mai condotto a termine, di realizzare una grande allegoria della dannazione attraverso la rappresentazione del nudo sulla falsa riga del Giudizio Universale della Cappella Sistina. Tra le altre opere figurano il monumento a Honorè de Balzac e i Borghesi di Calais, di cui scrisse:

io volevo [...] far cementare le mie statue, una dietro l'altra, davanti al municipio di Calais, proprio nel mezzo al selciato della piazza, come una corte vivente di sofferenza e sacrificio. Sarebbe sembrato così che i miei personaggi si ergessero dal Municipio al campo di Edoardo III; e gli attuali abitanti di Calais, quasi sfiorandoli nel passare, avrebbero meglio sentito l'antica solidarietà che li lega a questi eroi. Sarebbe stato, credo, di grande effetto. Ma rifiutarono il mio progetto e mi imposero un piedistallo tanto deforme quanto inutile. Hanno sbagliato, ne sono certo.

  • shares
  • Mail