The Daily Hitler. 150 volti del führer disegnati da Nir Avigad

The Daily Hitler - Nir Avigad

Può il simbolo di malvagità dei tempi moderni, diventare icona del male in chiave umoristica?

Secondo Nir Avigad, studente che ha disegnato "The Daily Hitler", cioè il dittatore in 150 ritratti, è possibile e la pensa così anche la Bezalel Academy di Gerusalemme dove sono in mostra le illustrazioni. O per lo meno la direzione non si è dissociata anche se non avrebbe scelto il dittatore come riferimento.

I volti di Hitler sono dislocati in una stanza piccola dell'istituto ma solo per scelte tecniche non morali. Pochi sono stati gli attacchi, anche se il Centro per i sopravvissuti all'Olocausto non ha trovato divertente l'esperimento.

Avigad ha ragione nel dire che Hitler è un'immagine, un'icona del male, dato che quando si pensa a lui si pensa al male senza dover aggiungere parole e nei disegni c'è la volontà di ridicolizzarlo, vestendolo in ruoli diversi. L'artista è stato bravo nel saper cogliere il momento giusto (visto che si sta verificando lo sdoganamento dell'utilizzo dell'arte del führer, cosa impossibile fino a qualche anno fa) e nel capire che la spettacolarizzazione attira più dell'arte.

The Daily Hitler - Nir Avigad
The Daily Hitler - Nir Avigad
The Daily Hitler - Nir Avigad
The Daily Hitler - Nir Avigad

The Daily Hitler - Nir Avigad
The Daily Hitler - Nir Avigad
The Daily Hitler - Nir Avigad
The Daily Hitler - Nir Avigad
The Daily Hitler - Nir Avigad
The Daily Hitler - Nir Avigad
The Daily Hitler - Nir Avigad

Però nel guardare i disegni in realtà non trovo un'immagine di Hitler ridicolizzata quanto annacquata, cioè non riconosco più Hitler e non vedo più il simbolo del male. In alcuni casi è un'icona buffa e addolcita che potrebbe essere utilizzata altrove perchè ha perso il contenuto (come il Che usato nei più sconclusionati contesti o il crocifisso come accessorio). Non credo che lo scopo sia servito dal punto di vista iconografico a parte far parlare dell'avvenimento. Ma a forza di analizzare il personaggio, sotto il profilo artistico, alla fine verrà assimilato lentamente e neutralizzato.

Via | ynetnews

  • shares
  • Mail