I saloni della Belle Époque in mostra alla Fondation Yves Saint Laurent di Parigi

La Belle Époque alla Fondation Yves Saint Laurent di Parigi, Il Boudoir blu, 1905, olio su tela, 90,5 x 70 cm Lione, musée des Beaux-Arts © Lyon MBA / Foto Alain Basset. © ADAGP, Paris 2012
"Du côté de chez Jacques-Émile Blanche. Un salon à la Belle Époque" è un'esposizione sui generis. Organizzata presso le sale della Fondation Pierre Bergé-Yves Saint Laurent a cura di Jérôme Neutres, e visitabile fino al 27 gennaio 2013, si configura come un vero e proprio salone dell'epoca, ricostruito, grazie alle decorazioni di Jacques Grange e alla scenografia di Nathalie Crinière, per riprodurre fedelmente il prototipo degli spazi di comunicazione artistica e letteraria che sono passati alla storia.
Grazie alla raccolta di molti capolavori, prestasti da prestigiosi musei francesi come l'MBA di Lione, il Musée des Beaux-arts di Grenoble o il musée d’Orsay (dal quale proviene il dipinto raffigurante Marcel Proust, scelto per l'affiche) e dalla famosa Collezione privata Jane Roberts Fine Arts, foriera di opere del calibro di Sir Coleridge Kennard o Il Ritratto di Dorian Gray, il percorso espositivo propone ai visitatori un incredibile passeggiata nel cuore di un periodo dalla "frizzantezza culturale" eccezionale.
La Belle Époque alla Fondation Yves Saint Laurent di Parigi, Marcel Proust, 1892, olio su tela, 73,5 x 60,5 cm, Paris, musée d’Orsay © RMN (Musée d’Orsay) / Hervé Lewandowski © ADAGP, Paris 2012
La Belle Époque alla Fondation Yves Saint Laurent di Parigi, Sir Coleridge Kennard o «Il Ritratto di Dorian Gray », 1904, olio su tela, 117 x 95 cm, Collezione privata © Jane Roberts Fine Arts, Paris. © ADAGP, Paris 2012
La Belle Époque alla Fondation Yves Saint Laurent di Parigi, Marguerite de Saint-Marceaux, 1890, pastello, 74 x 49 cm, Collezione privata © Jane Roberts Fine Arts, Paris. © ADAGP, Paris 2012
La Belle Époque alla Fondation Yves Saint Laurent di Parigi, Jean Cocteau, 1913, olio su tela, 205 x 110 cm, Musée des Beaux-arts di Grenoble © Musée de Grenoble. © ADAGP, Paris 2012
La Belle Époque alla Fondation Yves Saint Laurent di Parigi, Paul Baignères, 1891, olio su tela, 98 x 68 cm, Collezione privata © Jane Roberts Fine Arts, Paris. © ADAGP, Paris 2012
La Belle Époque alla Fondation Yves Saint Laurent di Parigi,  Pierre Louÿs, 1893, olio su tela, 110 x 87 cm (con cornice) Collezione privata © Jane Roberts Fine Arts, Paris. © ADAGP, Paris 2012

Tra velluti e boudoir, crinoline e completi impeccabili di una squisita eleganza un po' dandy, simboli e interpreti che abbiamo imparato ad apprezzare in musica, pittura e parole, si concedono nelle loro sembianze corporee all'occhio attento dei visitatori, che per calarsi a fondo nella dorata e ottimista allure del tempo hanno ancora a disposizione due incontri animati da Monique Younès previsti per il 29 novembre 2012 e il 10 gennaio 2013, alle 19 presso i saloni della Fondation.

La Fondation Pierre Bergé - Yves Saint Laurent consacra la sua diciottesima esposizione al pittore Jacques-Émile Blanche (1861-1942). Ritrattista "incontournable" della fine del XIX° secolo, ebbe modo di frequentare già in tenera età, le figure artistiche più emblematiche del suo tempo. La mostra si concentra sul periodo fasto che precede il 1918, riunendo più di settanta delle sue opere in un decoro Belle Époque nel quale sarà possibile incontrare il giovane Proust, Gide, Rodin, Cocteau, Debussy, Stravinsky, Degas, Mallarmé, Louÿs, Claudel...svelando lo sguardo libero di questo eccezionale testimone di un mondo che sarebbe stato spazzato via dalla Grande Guerra.

Via | fondation-pb-ysl.net

  • shares
  • Mail