Rembrandt e la grafica europea in mostra al Castello del Buonconsiglio

Il ritorno dalla caccia - fine XVI secolo - Antonio Tempesta - Castello del Buonconsiglio, Trento

Fino al 2 novembre al Castello del Buonconsiglio di Trento prosegue la mostra "Rembrandt e i capolavori della grafica europea nelle collezioni del Castello del Buonconsiglio".

Nel museo sono raccolte circa un migliaio di incisioni all'acqueforte prevalentemente inedite e in corso di schedatura scientifica, che vanno dalla fine del XV secolo alla metà del XIX e che comprendono opere di scuola italiana, francese, fiammingo-olandese, tedesca, spagnola e inglese. L'esposizione segue il ciclo di manifestazioni organizzate per la nascita di Rembrandt ed è un modo per mostrare questa collezione e alcuni aspetti particolari dell'arte del pittore.

Si parte da alcune opere di pittura del maestro olandese, che provengono dal Rijskmuseum di Amsterdam e dalla Galleria degli Uffizi di Firenze, per proseguire con acqueforti realizzate su particolari carte e con tirature freschissime, e con alcuni disegni che illustrano il momento creativo nel quale vengono tracciate le prime riflessioni che precedono la nascita di un’opera d’arte.

Rembrandt e i capolavori della grafica europea - Castello del Buonconsiglio - Trento
Lezione di anatomia del Professor Nicolaes Tulp - 1798 - Johannes Pieter de Frey - Castello del Buonconsiglio, Trento
Giove e Mercurio nella casa di Filemone e Bauci - 1640 - Nicolaes Lauwers - Castello del Buonconsiglio, Trento
Paesaggio con uccellatore - 1640 - Schelte Adams Bolswert - Castello del Buonconsiglio, Trento

Autoritratto con berretto di velluto con piuma - 1638 - Pierre Francois Basan - Castello del Buonconsiglio, Trento
Autoritratto - Rembrandt - Museo degli Uffizi
Deposizione - Rembrandt
Gesù scaccia i mercanti dal tempio - Rembrandt
Il persiano - Rembrandt
Mercante di stampe - Rembrandt

Il periodo abbraccia gli anni che vanno dal 1628 al 1661, cioè gli anni giovanili di Leda fino a quelli della maturità di Amsterdam. In questo modo si può osservare l'evoluzione e l'eclettismo del pittore che sperimenta ritratti, scene di genere, paesaggi e schizzi utilizzando generi e tecniche diverse.

Sono esposte anche le stampe collezionate da Rembrandt di artisti come Stefano della Bella, Antonio Tempesta, Giovan Battista Castiglione detto il Grechetto, Jacob Jordaens, Jacques Callot, e Rubens, di cui sarà presentata una attenta selezione, con esemplari provenienti dalla collezione Lazzari Turco Menz.

  • shares
  • Mail