Urban 3D printing, l'arte in tutorial di Greg Petchkovsky

A sandstone block built from lego, blending real objects with 3d prints from Greg Petchkovsky on Vimeo.

Qualche tempo fa vi abbiamo parlato del lavoro di Jan Vormann, che gira il mondo 'riparando' i muri con i mattoncini della Lego. Oggi invece voglio farvi conoscere il lavoro di Greg Petchkovsky, che utilizza una macchina foografica, un software di fotoritocco ed una stampante 3D per creare pezzetti di mondo.
Alcuni la chiamano scultura digitale, ma forse il termine è riduttivo. Tutto parte da una mancanza, un buco, un punto in cui il mattone o la pietra di un muro si sono scheggiati. Petchkovsky lo fotografa da varie angolature, poi utilizza un software di foto-scansione per avere virtualmente a disposizione il pezzo su cui andrà ad intervenire. A questo punto comincia a costruire un ingombro, un poligono con i suoi bordi prende forma e sostanza, assumendo i tratti caratteristici della pietra arenaria.

La modellazione digitale si completa con l'inserimento di singoli mattoncini della Lego ed infine, come per magia, si arriva alla stampa 3D. Un'operazione ai confini tra realtà e immaginazione che rovescia la prospettiva, determinando l'illusione, per un ignaro passante, che il muro sia davvero costruito da pezzi di Lego e solo dopo ricoperto di uno strano 'effetto arenaria'.
Il video, ralizzato da Greg Petchkovsky per il contest Make it real Challenge, è allo stesso tempo anche un tutorial d'utlizzo del programma Agisoft Photoscan. Il lavoro di questo autore ci dà così un'idea anticipatoria di come la tecnologia di stampa 3D potrà diventare uno strumento nelle mani di artisti e designer urbani.

  • shares
  • Mail