La moda vintage per la prima volta in mostra

Un'idea che piacerà ad appassionati del genere e della moda: "Vintage. L'irresistibile fascino del vissuto" è la mostra che andrà in scena al Museo del Tessuto di Prato dal 7 dicembre al 30 maggio 2013. Un percorso che racconta per la prima volta come la pratica dell'usato, fortemente radicata nell'ambito della storia dell'abbigliamento e del tessuto, sia stata capace nel tempo di generare un vero e proprio fenomeno di costume valorizzando il concetto stesso di "seconda mano".

Con quattro sezioni, oltre 100 capi d'abbigliamento e tessuto esposti e 800 metri quadri di spazio espositivo, l'esposizione non intende limitarsi ad una semplice esposizione di abiti e accessori di un passato più o meno remoto, ma cerca di rintracciare le origini, gli sviluppi e le motivazioni che hanno fatto del vintage un elemento quasi indispensabile nella progettazione contemporanea della moda e del tessuto. Jeans d'annata, capi militari e oggetti curiosi vi accompagneranno lungo la mostra e saranno supportati da documenti video e da contenuti multimediali.

Saranno esposti capi di Gucci, Salvatore Ferragamo, Pucci e Max Mara, ma non mancheranno nemmeno le divise second hand - simbolo dei movimenti giovanili e di protesta -, il denim usurato, le uniformi personalizzate, gli abiti folk e i completi hippie. In altre parole, tutti i capi icona di intere generazioni e che ancora adesso sono tra i più ricercati nei mercatini vintage. L'irresistibile fascino del vissuto sarà accompagnata da un ricco calendario di eventi a tema vintage realizzato in collaborazione con il Comune di Prato, che da dicembre a maggio del prossimo anno, coinvolgeranno visitatori ed appassionati così come esperti del settore e della comunicazione di moda come bloggers e social network.

Foto | Alessandro Moggi

  • shares
  • Mail