L'Arianna Addormentata torna agli Uffizi dopo 220 anni

La scultura dell'Arianna Addormentata torna nella Galleria degli Uffizi a Firenze dopo quasi 220 anni: tra prestiti ad altri musei e restauro mancava dal museo fiorentino dal 1794. Si tratta di una scultura ellenistica in marmo, una copia romana del III a.C., che pesa circa due tonnellate e che per questo ha richiesto un trasporto a dir poco spettacolare. Dopo essere stata ingabbiata in una specifica struttura metallica, è stata trasportata a bordo di un camion e poi sollevata con una gru fino alla terrazza degli Uffizi per poi fare il suo ingresso, a bordo di uno speciale carrello, nel corridoio di ponente della Galleria.

L'operazione, durata in tutto circa due ore e mezzo, si è svolta sotto il controllo della soprintendente Cristina Acidini e del direttore della Galleria degli Uffizi Antonio Natali. Ora i preparativi sono tutti dedicati alla sala 35 del museo, detta del Michelangelo per via del celebre dipinto Tondo Doni, dove l'Arianna verrà posta al centro insieme con le opere di Bugiardini, Albertinelli, Frà Bartolomeo, Granacci, Andrea Del Sarto, Franciabigio e Berruguete. Come ha spiegato Natali.

L'inaugurazione al pubblico della sala avverrà il 17 dicembre ed è "con questo allestimento - ha commentato Acidini - che si conferma la rievocazione del paragone fra l'Antico e i moderni che diede slancio ai sommi artisti del Cinquecento, Michelangelo compreso. Si sta così scrivendo agli Uffizi un nuovo capitolo di museologia".

Via | Ansa

  • shares
  • Mail