Dalla fotografia alla tela. I volti di Anne-Karin Furunes alla Galleria Traghetto

Anonym - Anne-Karin Furunes - Galleria Traghetto - Roma

Si intitola "Anonym", la mostra di Anne-Karin Furunes ospitata alla Galleria Traghetto di Roma dal 18 settembre all'8 novembre.

Per questa mostra l'artista ha ripreso immagini di donne comuni, trovate in un vecchio album di un archivio svedese, sottoposte ad un programma segreto condotto per cinquant’anni dal governo svedese, che aveva lo scopo di favorire la sterilita' nei soggetti considerati deviati psichici o un peso per la societa'. Il programma e' stato reso pubblico solo negli anni Settanta.

L'autrice norvegese realizza tele di grandi dimensioni formate da migliaia di fori di varie dimensione, in bianco e nero, prendendo come base fotografie di archivio di volti anonimi che buca a mano. Questo per indagarne la personalita' e l'identita' dei soggetti scelti. In questo caso c'e' stata la volonta' di liberare da questo esperimento le donne ritratte per ridare quella forma di dignita' e rispetto di cui erano state private.

Una presenza-fantasma quella di queste figure, accentuata dalla tecnica dell'artista. Le tele per prendere forma dipendono dai movimenti dell’osservatore e dal gioco della luce. Osservata da vicino, l’immagine, che è in scala di pixel, si dissolve in un ordine astratto di punti. Ad una certa distanza la figura viene restituita alla nostra percezione.

  • shares
  • Mail