Progetto Emotional Cities: i cinque grattacieli più alti di Stoccolma riflettono il mood dei cittadini


Inserendosi a pieno nel nuovo scenario dell'architettura interattiva, il progetto Emotional Cities lanciato a Stoccolma a partire da ottobre 2007, trasforma i cinque maggiori grattacieli della capitale svedese in giganteschi sensori emotivi che riflettono il mood dei cittadini. Le superfici uperfici urbane diventano pelli sensibili e reattive, basate sullo studio e la visualizzazione dell'emozione di individui e gruppi.

Un sito ad accesso libero (è sufficiente un semplice login) consente di esprimere ai partecipanti il proprio stato emotivo associandolo ad un colore (ad esempio il viola per la tristezza; il verde per la tranquillità; l'arancione per l'allegria): in base alla prevalenza delle emozioni espresse, i cinque grattacieli mutano costantemente di colore. Sul blog è inoltre possibile accompagnare la scelta del colore a dei dei post personali che la motivino, con l'obiettivo di creare un vero e proprio "diario" della città. Una webcam offre lo spaccato live di una Stoccolma che cambia umore.

Il progetto, basato totalmente sull'interazione, coniuga la sperimentazione artistica e psicologica con l'uso ibrido di diversi media e modalità di espressione: fra le prospettive future, quelle di realizzare installazioni sparsa nella città e, forse, una partenschip con con la Corea del Sud.

  • shares
  • Mail