Ai Weiwei arrestato non parteciperà alla prima Biennale d'India

Ai Weiwei arrestato non parteciperà alla prima Biennale della storia in India. Brutte notizie per gli ammiratori degli incredibili lavori dell'artista dissidente cinese Ai Weiwei. Secondo il Times of India di stamattina infatti il noto visual artist non sarà la stella più brillante della primissima Biennale indiana a Kochi, come era stato invece anticipato dagli organizzatori dell'evento. Le ultimissime news che giungono da Oriente lo vogliono ancora agli arresti domiciliari, e il governo cinese ha privato l'artista di qualsiasi permesso e ridotto il regime delle visite al minimo dei minimi.

L'uomo che ha progettato lo stadio per le Olimpiadi di Pechino 2008 e il cui cortometraggio "Non Mi dispiace" è nella rosa dei best candidati agli Oscar 2013, avrebbe dovuto prendere parte come protagonista assoluto all'importante manifestazione artistica indiana, se tutto andava come previsto. Ma nulla è andato come previsto per l'attivista cinese.

Ai Weiwei si era dimostrato entusiasta di aprire i giochi di questa prima kermesse artistica indiana, tanto che aveva dichiarato di avere in cantiere per l'occasione qualcosa di speciale e inedito, da lasciare senza fiato i sempre più numerosi followers di tutto il mondo.

Del resto Ai Weiwei è un'artista entrato nel mito per i suoi originali metodi di protesta e critica sociale, costante e tramite tutti i media possibili, messaggi che riescono a filtrare le spesse cortine del rigido controllo del governo cinese e arrivare forti e chiari fino a noi. Ultimamente il video-parodia di Gangnam Style con cui Ai Weiwei ha firmato l'ennesima denuncia -troppo scomoda- alla totale mancanza di libertà in Cina, ha fatto il boom nel web, ed è stato al centro di tutte le notizie della stampa mondiale. Alla prima Biennale d'India saranno comunque mostrati due masterpieces formato video dell'artista, che siamo sicuri non tarderà a dare un'eclatante risposta artistica al governo cinese, che lo tiene, ancora una volta, prigioniero.

  • shares
  • Mail