Street Art Village, altre foto e alcune domande

Nuria Mora - Street Art Village - Campofelice di Roccella

Ho già parlato dell'evento "Street Art Village", ma qui di seguito trovate un'intervista lampo a Debora Di Gesaro, la curatrice e mente dietro al progetto, che vive e lavora a Palermo, luogo spesso dimenticato. Ci occupiamo di solito delle stesse città (Roma, Milano) o delle figure degli artisti, ma trascuriamo i curatori, altrettanto importanti.

Nome: Debora Di Gesaro
Città: Palermo
Professione: ideatrice e curatrice di eventi culturali
Ultimo evento organizzato: Wundergarten - innesti tra arte e botanica - Orto botanico di Palermo
Cosa ti ha portato a curare "Street Art Village": l'idea di ribaltare la tendenza che vede i lavori di questi artisti esposti in musei e gallerie invece di dare loro la possibilità "istituzionale" di creare arte pubblica, libera e fruibile per le vie di un intero paese
Una ragione per cui andarla a vedere: per vedere la capacità dell'arte di rigenerare esteticamente un'architettura abbandonata o mediocre e di conferire al paese un'immagine e un'identità nuova
La Street Art è una corrente fatta per rimanere o è una moda transitoria? la street art è l'arte che nasce per strada con la finalità di diventare arte pubblica. Non la considero una corrente piuttosto è il modo di vivere e di concepire l'arte ben radicato in questi giovani artisti che ho conosciuto. Non credo che se dovessero venir meno l'attenzione dei media e l'interesse del sistema arte ciò possa frenare il corso della loro esistenza

Street Art Village - Campofelice di Roccella
San - Street Art Village - Campofelice di Roccella
Ivan, poesia per Campofelice - Street Art Village - Campofelice di Roccella

Artista preferito: Salvador Dalì ma anche Ron Arad e Philippe Stark, credo infatti che oggi il futuro dell'arte si diriga verso il design grazie alle potenzialità sperimentali e poliedriche che questo settore offre
Artista emergente su cui investire: Ed Pien
Museo preferito: Museo del Prado
La mostra più bella che hai visto: in occasione della biennale di Venezia "Ocean without a Shore" di Bill Viola all'interno della chiesa di San Gallo
Se non ti occupassi di arte saresti… architetto/designer
Che cosa bisogna assolutamente vedere nella tua città: il castello della Zisa (sofisticato edificio arabo-normanno), il Palazzo reale e in particolare la Cappella Palatina (sorprendente gioiello di stili quali bizantino, islamico e normanno), l'orto botanico (considerato a livello internazionale tra i più belli d'Europa)
Prossima mostra che ti piacerebbe organizzare: idealmente Bill Viola a Palermo. In cantiere invece c'è un evento performativo nel Parco delle Gole dell'Alcantara (CT) che unisce arte, musica e teatro

  • shares
  • Mail