Freeshout. A Prato sei giorni di arte urbana, workshop, incontri, musica e proiezioni

londyn

La galleria d'immagini mostra solo alcuni esempi dei lavori realizzati nel passato da artisti come Mark Jenkins con le sue sculture in nastro adesivo e Truthtag con la sua rivoluzione tattile, che saranno presenti a Prato dal 30 settembre al 5 ottobre alla quarta edizione del progetto "Freeshout - expressive young fest", festival di arte e cultura contemporanea.

La città sarà disseminata per sei giorni di opere pubbliche, installazioni, performance, incontri di vario tipo per creare una sinergia tra artisti, operatori culturali, istituzioni, media e cittadini.

Altri autori presenti saranno Ozmo, G.R.A. con un esercito di paper toys, Javier De Cea, Leonardo Worx, Massimilian e Nina Breeder. Leitmotiv di questa edizione è il cubo, e sotto il nome di "YouCube!?" nello scenario dell’ex mattatoio cittadino, venti spazi cubici di uguali dimensioni ospiteranno altrettanti progetti a cura di artisti italiani e internazionali.

Freeshout!? expressive young fest - Prato
Mark Jenkins
Mark Jenkins
Truthtag

Come si vede dagli artisti presenti, la street art a tre dimensioni e non avrà un ruolo importante, sia attraverso i lavori esposti, sia attraverso laboratori, sia attraverso cortometraggi come "Megunica" di Lorenzo Fonda sull'esperienza di Blu in Sud America. E poi moltissime altre cose, inclusa la musica. Questa la guida del programma scaricabile dal sito, mentre per le informazioni sui workshop si può scrivere a workshop@freeshout.it.

  • shares
  • Mail