L'immagine nell'architattura secondo Christian de Portzamparc

"Ogni immagine, anche la più violenta, è sempre e comunque una immagine pia. Non possiamo discutere con un'immagine. Non possiamo ragionarci. Nell'architettura, adesso più di prima, viaggiamo attraverso immagini evocative, immagini ingannevoli che dovrebbero rappresentare luoghi reali, costruzioni nuove e sconosciute, dando una percezione della realtà che è fuori fase e falsa. Ciò è inevitabile. Il nostro mondo è cresciuto; non possiamo andare a vedere tutto quello che è stato fatto dovunque. Le cose, i luoghi sono conosciuti attraverso le immagini; sono loro a circolare. Sempre di più produciamo immagini illusorie virtuali vicine alla realtà, ma che mostrano palazzi che non esistono, o che non esistono ancora. In effetti, è solo quando ci troviamo fisicamente nel luogo che possiamo avere esperienza della verità del luogo. Ma l'immagine, al giorno d'oggi, vale di più della realtà. La evidenzia; la sceglie; pretende di rappresentare l'anima della realtà. Contrariamente al testo, non possiamo ragionare con una immagine; o attira la tua attenzione, o non l'attira."

Christian de Portzamparc

[Nel video, l'atelièr di Christian de Portzamparc]

  • shares
  • Mail