Graffiti writing di Alessandro Mininno

Graffiti writing

Non mi sono fissato. Semplicemente trovo molto interessante la street art, in tutte le sue espressioni. La tecnica del graffito, in particolare, oltre a produrre, in certi casi, opere di straordinaria bellezza, è molto intrigante anche per i messaggi che spesso veicola. La ripetizione della tag e la ricerca formale sulle lettere sono elementi che hanno anche, in senso lato, una certa valenza politica.

Sull'argomento è uscito da qualche mese per la Mondadori Electa un bel libro di un esperto del settore, Alessandro Mininno, il quale, tra l'altro, ha curato ben sei mostre sulla street art e ha pubblicato già altri volumi sul tema. Il titolo del libro è Graffiti writing. Origini, significati, tecniche e protagonisti in Italia (240 pagine, 250 illustrazioni, 29 euro).

Si tratta di un'approfondita analisi del fenomeno del graffitismo, che ne ricostruisce l'affermazione e il percorso, corredando la trattazione con un'ampia galleria fotografica. Si evidenzia come il profilo meno "assimilabile" di tale movimento (se così lo si può definire, date le sue numerose articolazioni) sia la critica da esso condotta alle forme di comunicazione imperanti nella ipercosumistica (anche se oggi un po' meno...) società contemporanea.

  • shares
  • Mail