Licenziata la direttrice del Museion di Bolzano

Sonic Youth

Ricordate lo scandalo della "rana crocifissa", l'opera di Martin Kippenberger esposta al Museion di Bolzano, che lo scorso agosto ha provocato addirittura le proteste del Papa? Ebbene, la direttrice Corinne Diserens, che aveva strenuamente difeso la scelta di esporre l'opera, è stata licenziata ieri.

La motivazione ufficiale? Nel comunicato del consiglio della Fondazione del museo di arte moderna e contemporanea, riportato oggi dal Corriere della Sera, si legge: "La decisione è stata presa in seguito alla difficile situazione finanziaria determinata dalle ingenti spese impegnate senza l'autorizzazione degli organi collegiali e senza la necessaria copertura finanziaria". Si parla di un buco di 500 mila euro e di mancata erogazione degli stipendi al personale.

I sostenitori della ex direttrice (tra cui soprattutto i Verdi) ritengono, invece, che il licenziamento dipenda esclusivamente dalla polemica suscitata dall'esposizione della rana, che avrebbe fatto perdere circa dodicimila voti al Südtirol Volkspartei. Più recentemente, tra l'altro, un'altra scelta della Diserens è stata fortemente discussa: quella di esporre un'opera raffigurante una bandiera con una pseudo-svastica nella rassegna Sonic Youth, visitabile al Museion fino al 4 gennaio 2009.

  • shares
  • Mail