Guttuso nei flash d'Arte della Galleria de’ Bonis di Reggio Emilia

Renato Guttuso, Foglie di girasole, 1971, olio su tela, Courtesy Galleria de’ Bonis
Dopo le sperimentazioni di Lucia Conversi e la città di Riccardo Luchini, la Galleria de’ Bonis di Reggio Emilia ritorna ad un valore solido e riconosciuto come Renato Guttuso. La mostra, dedicata al grande pittore originario di Bagheria è un salto in un realismo che non ci è più necessariamente così familiare, che prende spazio dall'1 al 21 febbraio. Inserita all'interno dell'iniziativa “Flash d’Arte”, che consiste in un format leggero caratterizzato da cicli di "mostre veloci, selezionate e brillanti", già forte del grande successo riscontrato nel 2012, l'esposizione di Guttuso interroga un che di viscerale e rimette in ballo grandi capolavori accanto a disegni di ispirazione polemica, velati da una marcata critica storica e sociale.
Renato Guttuso, Nudo disteso, 1962, olio su carta intelata, Courtesy Galleria de’ Bonis
Renato Guttuso, Bambino che fa una capriola, 1955, olio su tela, Courtesy Galleria de’ Bonis
Renato Guttuso, Bomba H, anni \'50, china su carta, Courtesy Galleria de’ Bonis
Renato Guttuso, Congedo, 1934, olio su compensato, Courtesy Galleria de’ Bonis
Tra l'amore per il corpo femminile, e l'ardore per la forza delle masse di quello maschile, la sensibilità esacerbata nella palette di colori vibranti che non possono non ricordare l'arsura dei tramonti siciliani, e lo spiccato spirito contestatore da pamphlet potenti e riassunti in pochi tratti, Guttuso è ancora lì, nelle pieghe della storia e delle stoffe che spesso fanno solo da cornice al brillare delle carni umane, riprodotte in contorsioni animali.

In mostra, opere scelte ad olio e china, oltre ad alcuni preziosi studi preparatori per opere museali, come “La spiaggia”, “Fuga dall’Etna” e “Crocefissione”. Saranno inoltre esposte una selezione di nature morte e i sensuali nudi femminili, accanto alle opere dell’impegno politico e a vivissimi squarci della società contemporanea.

Via | galleriadebonis.com

  • shares
  • Mail