Quattro passi in Slovenia: Metelkova e Pixxelpoint

Le vacanze di Natale si avvicinano e molti di voi saranno soliti spostarsi per unire il piacere del viaggio alla scoperta di nuove realtà artistiche. La vicina Slovenia è sicuramente una meta da tenere in considerazione, vitale ed innovativa, dove la cultura slava e quella mitteleuropea trovano un’interessante sintesi.

Per gli avventori che si addentrano in queste gelide ma accoglienti lande, l’unico consiglio è partire con una buona dose di curiosità, perché la Slovenia è un luogo da scoprire. Per riuscire cogliere gli aspetti più significativi e le contraddizioni lasciate dell’eredità socialista sarà opportuno passare un po’ di tempo a Metelkova, piccolo quartiere autonomo di Lubiana, dove convivono gallerie, residenze artistiche, laboratori, mercatini e locali per il divertimento notturno.

La città poi pullula di nuovi spazi gestiti da giovani e anche la programmazione delle gallerie civiche riserva molte sorprese, tra new media art, performances ed una spiccata passione per la scultura d’assemblaggio.


Se desiderate avere informazioni più dettagliate potete darvi una lettura a questo report o guardarvi il video 'Art in Lubiana' in testa al post.

Per quanti invece possono muoversi prima delle festività natalizie -per evitare il tutto esaurito- vi consigliamo la IX edizione del Festival Internazionale di New Media Art Pixxelpoint, che inaugurerà presso la Galleria Civica di Nova Gorica, città di confine (l'altr'anno anche la Slovenia ha firmato gli accordi di Schengen per la libera circolazione delle persone), attaccata all'italiana Gorizia. Il festival, conosciuto ormai in tutta Europa, è organizzato dalla Casa della Cultura -la Kulturni Dom è un'istituzione in ogni città slovena- e si svolgerà dal 5 al 12 dicembre 2008.

Il tema di quest'anno "For God's sake! come i media stanno cambiando il nostro modo di immaginare / rappresentare / adorare e bestemmiare il divino” è stato proposto dal curatore Domenico Quaranta, che cerca di portare alla luce la relazione tra media e spiritualità.

Il festival è arricchito da conferenze, laboratori, eventi musicali che si svolgeranno da entrambi i lati del confine, sono stati coinvolti infatti l'Associazione Lucide e il Dams dell'Università di Udine, sede di Gorizia, che producono l'evento parallelo Pixxelmusic (dal 10 al 12 dicembre 2008).

All'interno del ricco palinsesto del festival segnialiamo la presenza degli italiani di Molleindustria, sviluppatori di videogiochi divertentissimi ed intelligenti e del gruppo di artisti immaginari Les Liens Invisibles. Tra gli sloveni ricordiamo BridA, collettivo di ricerca artistica profondamente influenzato dal metodo scientifico di analisi dei processi informativi.
Ecco il link al sito e il programma del festival..

  • shares
  • Mail