Art Basel Miami Beach 2008 - Live



Tutto pronto? neanche per idea!

Mal tempo e scioperi Alitalia hanno giocato un brutto scherzo ai galleristi e loro assistenti vari, arrivati con un giorno di ritardo e tutt'ora indaffarati ad allestire a 24 ore dall'apertura, sorte toccata perlomeno agli italiani che espongono a Scope, Pulse e alle altre fiere collaterali, costretti a un tour de force notturno per arrivare in tempo utile all'inaugurazione.


Se il buongiorno si vede dal mattino, non sarà comunque una grande giornata... e non soltanto per il clima metereologico che affligge Miami, che se non fosse per la lingua diresti di essere a Marinella di Sarzana in ottobre, vista la pioggia che a sprazzi ci tocca da almeno 2 giorni e la scarsa affluenza che a tutt'oggi è possibile riscontrare.


In realtà i timori per la crisi economica americana, qui decisamente palpabile con evidente sottotono di glamour ed opulenza, scuotono il mondo dell'arte che si interroga dubbioso sulla tenuta del mercato e più in generale di una fiera che negli ultimi anni ha dato grandi soddisfazioni con ritorni finanziari e d'immagine che si dubita potranno essere riconfermati anche in questa occasione.

La domanda avrà comunque a breve i suoi riscontri; domani si parte con il Welcome party al Delano per poi proseguire con la festa al Mo.Ca sponsorizzata da Vanity Fair e l'affluenza, piu' o meno alta, sarà già un buon termometro per valutare il successo di questa edizione o quanto meno per tastare il numero di presenze.

Da mercoledì poi si fa sul serio con l'inaugurazione di Art Basel, preceduta da quelle di Pulse Scope Nada e Miami Photo. Aspettiamo fiduciosi, il tempo metereologico volge al bello, auguriamoci che anche quello artistico gli stia a ruota.

A domani.

  • shares
  • Mail