(Spi)ritual OMnipotence

(Spi)ritual OMnipotence è l'ultimo lavoro di OtherethO, selezionato a PixxelPoint '08 e attualmente esposto presso la Galerija Tir in Mostovna. OtherethO a soli 22 anni ha già partecipato a diversi festival con le sue opere e collabora con il magazine online DigiMag: vive e lavora a Milano.

L'installazione (Spi)ritual OMnipotence studia il potenziale delle azioni simboliche performate al di fuori di contesti religiosi istituzionalizzati. Il focus è sul corpo come apparato percettivo. Estensione di stimoli audio-tattili sono usati per evocare esperienze catartiche e sensorialmente immersive. Il rituale è diviso in de parti:
- preparazione (lettura della brochure informativa; ascolto della durata di circa 3 minuti di un mantra sintetico che riproduce attraverso suoni elettronici l'OM; purificazione delle mani);
- esperienza (passaggio del corridoio, costruito con un panno nero in totale assenza di luce; "stanza": in semi oscurità, su un piedistallo è posta una conca piena di fluido, mentre in ultra-frequenza viene mandato il mantra sintetico come ulteriore stimolazione celebrale).

Ciò che mi ha colpito dell'opera è la sua volontà demistificante. Integrare il lavaggio delle mani nell'installazione, atto che tipico della dimensione mistico-religiosa, rendendolo interattivo tenta di indurre nell'utilizzatore la coscienza che il rituale di purificazione si basa su illusioni percettive. Questo tipo di sollecitazione diventa immediatamente controverso, come sostiene l'artista, se paragonato ai riti ecclesiastici supportati e "fruiti" attraverso un particolare tipo di credenza, quello dogmatico.


  • shares
  • Mail