Premio Furla 2009: vince Alberto Tadiello

Shift (progetto) - 2008 - Alberto Tadiello

Alberto Tadiello è il vincitore della Settima edizione del Premio Furla.

Tadiello ha trasformato in partitura sonora a bassissima frequenza gli andamenti delle maree veneziane, ha lasciato che il moto di un trapano, collegato ad un compasso e una biro, tracciasse segni frattalici, ha installato un circuito a parete di striduli carillon motorizzati e accelerati, votati ad una morte entropica. Un'opera tra biologia e tecnologia.

La giuria ha così motivato l'assegnazione del premio:

Per la valenza puramente funzionale e allo stesso tempo strutturale dell'opera.
Per il fatto che il suo progetto fa sentire la presenza fisica e immateriale del suono provocando una tensione vitale.
Per la capacità di rendere poeticamente manifesta ai sensi l'energia nascosta del reale.
Per la sua dimensione di artista inventore che lascia immaginare un futuro ricco di nuove idee creative.
Per la facoltà di assorbire e rilanciare l'energia parassita del sistema dell'arte e per il fatto che arriverà molto in alto essendo un alpinista.
Come diceva Giovanni Segantini: "Voglio vedere le mie montagne"
.

I progetti dei cinque finalisti sono esposti presso il Padiglione 20 di Arte Fiera Art First fino a domani 26 gennaio.

Premio Furla 2009: vince Alberto Tadiello
Shift (progetto) - 2008 - Alberto Tadiello

  • shares
  • Mail