Al Quirinale in mostra i restauri del settennato di Napolitano

Un'esibizione importante e un ultimo saluto a Napolitano. In mostra al Quirinale sette anni di storia e di restauri.

Tra i tesori ritrovati durante un recente restauro delle sale del Quirinale c'è un affresco risalente al periodo di Napoleone, capolavoro ispirato alle Metamorfosi di Ovidio e dal titolo Mercurio, Argo e Io, è solo una delle opere d'arte esibite in occasione della mostra Il Palazzo e il Colle del Quirinale, forse la più importante, che fino al 14 aprile è in scena a palazzo. Questa è un'esposizione particolare, un omaggio e saluto al capo dello stato che se ne va, e allo stesso tempo un excursus e un bel viaggio storico tra i più importanti restauri del settennato di Napolitano, giunto ormai alla sua fine.

Questo è quindi un cammino espositivo che va in due direzioni, abbraccia sia la storia più recente d'Italia, che la storia dell'arte più indietro nel tempo, quando ancora era vivo il culto ormai leggenda di Europa ricca e fastosa. Sono numerosi i dipinti e le tele restaurate in mostra al Quirinale, quasi tutte emblema di quell'arte sacra e politica tipica dell'età moderna. Tratti stilistici ben definiti e pittorici, da Accademia, tra cui vi citiamo: le pitture murali del Cristo benedicente e San Michele trovate nell’Oratorio di palazzo San Felice, gli affreschi della Casina di Urbano VIII, le maestose opere di Pietro da Cortona rinvenute nella Galleria di Alessandro VII fino all'imponente restauro della collezione di carrozze e livree di età sabauda.

I tesori nascosti e venuti alla luce dal 2006 al 2013 al Quirinale e i conseguenti lavori di difficile restauro sono stati presentati in anteprima stampa dal consigliere per la conservazione del patrimonio artistico del presidente della Repubblica, Louis Godart e dal consigliere per la comunicazione Pasquale Cascella. Focus soprattutto sull'ultima riscoperta della Sala Gialla, quella che vi abbiamo citato in apertura, affresco datato all'epoca di Napoleone residente nella dimora dei Papi. Si celava sotto decorazioni classiche dell'Ottocento di modesto valore artistico. Sul sito ufficiale sono presenti le schede dettagliate di tutte le opere in mostra.

Via | La Repubblica

Foto | Getty Images

  • shares
  • Mail