Ruggero Lenci e l’ombra di Darwin sull’architettura

Ruggero Lenci - Evoluzione e Architettura tra Scienza e Progetto La scorsa settimana presso la Casa dell’Architettura di Roma, è stato presentato “Evoluzione e Architettura. Tra Scienza e Progetto”, di Ruggero Lenci. Un libello, come lo ama definire il suo autore, in cui sono confluite ricerche lasciate maturare silenziosamente, nel buio di un cassetto e sbocciate poi nell’anno del bicentenario darwiniano.

Il libro, pur essendo ricco di una terminologia scientifica non sempre facile da decifrare, si lascia leggere bene. Una documentata analisi che, attraverso citazioni trasversali, getta un ponte tra scienza e architettura. Un ponte difficile da percorrere ma che regala al lettore abbondanti spunti di riflessione e inaspettate sorprese.

Ad integrare lo scritto le illustrazioni dello stesso Lenci: volti umani aggregati in un “perenne fluire”, assumono sulla carta, come storni in cielo, le forme ora di un frammento di DNA ora di una città. E a pensarci bene DNA e città sono due possibili rappresentazioni della vita umana: l’una opera di un biologo l’altra di un architetto. Scienza e architettura, appunto.

  • shares
  • Mail