Al Salone del Mobile 2013 l'arte contro il fumo con l'installazione Smok-Ink di Ozmo

Una macro tela da sessanta metri interamente dipinta a mano con inchiostro ricavato dalle sigarette. Ecco la nuova installazione contro il fumo Smok-Ink firmata da Ozmo.

Foto della Mostra installazione Smok-Ink di Ozmo

Un'infografica accurata con dati scientifici e super aggiornati. Questo è il soggetto della imponente tela, di dimensioni colossali, ben sessanta metri quadrati dipinti a mano, con inchiostro ricavato da sigarette, presentata oggi a Milano durante la kermesse del Fuori Salone 2013. Una rivisitazione artistica firmata dallo street artist Ozmo dei dati statistici delle morti causate dal fumo di sigaretta negli ultimi anni.

Numeri, immagini e parole che compongono un'opera d'arte che parla dei pericoli di questo vizio realmente difficile da abbandonare e dal rischio mortale, sempre più diffuso tra i giovani e anche tra i giovanissimi. Nella macro tela, Ozmo racconta a modo suo, ma attingendo dai fatti della scienza e della medicina, cosa succede inesorabilmente ai polmoni di un fumatore. Un'istallazione che fa venire la pelle d'oca, letteralmente, soprattutto a chi da anni e anni fuma senza pensare al domani, o probabilmente senza riuscire a mettere da parte quella stramaledetta sigaretta.

Si chiama Smok-Ink, l'innovativa installazione di social art, a favore di Humanitas Cancer Center. Smok-Ink rilancia un importante progetto di arte contro il fumo, lanciato per l'appunto in anteprima oggi a Milano durante la settimana piena di eventi del Salone del Mobile 2013.

Arte che più attuale di così non si può, che nasce ancora una volta nelle strade e affronta il sociale e le problematiche della società contemporanea. Ideata da Moreno De Turco e Mirco Pagano, i creativi di TBWA Italia, la tela di Smok-Ink prende forma sotto i pennelli implacabili di Ozmo. Partner dell'iniziativa è Humanitas, che ha messo a disposizione tabulati e dati e tutto il materiale scientifico nonchè sostenuto tutto il work in progress del progetto.

Smok-Ink: Ozmo e First Floor Under firmano un progetto di arte per il sociale. Il noto street artist italiano e la creative factory First Floor Under insieme con una nuova installazione in cui i polmoni dei fumatori diventano tela e le sigarette inchiostro, in collaborazione con Humanitas Cancer Center. Ideato e curato da Moreno De Turco e Mirco Pagano, creativi di TBWA\Italia e realizzato grazie al supporto artistico di Ozmo. Un progetto di First Floor Under, casa editrice digitale e spazio eventi di cui sono direttori artistici Francesco Guerrera e Nicola Lampugnani. Partner dell'iniziativa è Humanitas, centro di eccellenza nella cura e nella ricerca, che ha fornito il materiale scientifico su cui hanno lavorato i creativi e ha sostenuto il progetto insieme a Fondazione Humanitas.

Via | Humanitas Salute

  • shares
  • Mail