Sten Lex, Space Invader, Sowat...ultimi giorni di Street Art effimera al Bains-Douches di Parigi

Nuova vita ad uno dei luoghi chiave delle notti mondane parigine della fine del secolo scorso, ancora pochi giorni per ammirare le opere realizzate da una ventina di street artist presso il Bains-Douches.

Lo spazio situato non lontano dal Centre Pompidou e chiuso dal 2010 a causa dell'evidente degrado strutturale e del conseguente pericolo di crolli, è stato una discoteca famosa tra gli adepti del popolo della notte parigina degli anni '80 e '90. Ma la sua notorietà sbiadita dal passare degli anni è stata ravvivata negli ultimi tempi da un'iniziativa originale che ha portato ad una temporanea riconversione degli spazi, trasformati in residenza artistica per una ventina di conosciuti grafici e performer di Street-Art come il nostro concittadino Sten Lex, Jérôme Mesnager, Space Invader, Sowat, e l'americano Futura, che hanno invaso i 3000 m2 disponibili per realizzarvi una serie di opere effimere destinate a sparire all'inizio di maggio, per lasciar spazio a importanti lavori di ristrutturazione che trasformeranno i Bains-Douches in un hotel design.
Ma una delle grandi particolarità della cosa è che, a causa di un provvedimento prefettorale che ha fatto seguito ad alcuni interventi non autorizzati che hanno reso fragile la struttura portante, è stato vietato l'accesso al pubblico, un antipatico inconveniente che è stato facilmente aggirato grazie alla rete sulla quale si possono scoprire le opere, postate direttamente online giorno per giorno, attraverso un apposito sito sul quale sono disponibili testimonianze foto e video, riunite in una piattaforma, anch'essa temporanea, che scomparirà insieme alle opere che illustra, in una continuità d'intenti fedele a quella dell'idea di fondo, come conferma il proprietario Jean-Pierre Marois all'AFP:

Questo luogo ha un'anima, dotata di una reale vibrazione artistica. Prila di permettere alla fenice di rinascere dalle sue stesse ceneri, gli artisti hanno carta bianca per trasformarlo in manifattura del XXI° secolo.

Via | lesbains-paris.com

  • shares
  • Mail