Il New York Times stronca l'emergente Hernan Bas



Il New York Times ne ha fatto un piccolo caso, lamentando l'eccessivo potere da parte di collezionisti privati, fino ad interferire sulle scelte di grandi istituzioni culturali pubbliche. Da quelle prestigiose colonne si denuncia un circolo vizioso che fa aumentare le quotazioni solo di chi è già quotato, soprattutto quando è riuscito a vendere precedentemente alle persone giuste. Stiamo parlando di Hernan Bas, che ha spopolato presso le ricche ville di una certa parte dell'aristocrazia gay di Miami, e soprattutto è stato acquistato in massa dalla Rubell Family Collection, che ne ha fatto uno dei suoi cavalli di battaglia.

Solo, i critici newyorkesi reputano ancora acerbo questo artista di 31 anni, e lo ritengono sopravvalutato nella retrospettiva che il Brooklyn Museum gli sta dedicando, a cura dello stesso Mark Coetzee, già Director, appunto, della Rubell Family Collection.

Quello che non va giù ai critici del Times è soprattutto la svolta da videoinstallatore di Bas, che ha riscontrato un grande successo presso la Miami Art Basel. Dopo tutta una carriera basata su olii efebici, languidamente e romanticamente scomposti, la videoinstallazione, evidentemente, significa puntare troppo in alto. Cominciano ad accogliere il suo dandysmo fatto l'accetta (almeno dal punto di vista dei contenuti), forse; ma non accettano il suo maggiore impegno. In particolare, se la prendono con l'installazione intitolata "Ocean Symphony (Dirge for the Fiji Mermaid)".

l'artista trionfatore della Miami Art Basel 2009
l'artista trionfatore della Miami Art Basel 2009
l'artista trionfatore della Miami Art Basel 2009

Si tratta della combinazione di cinque schermi che propongono scene di fanciulle vestite da sirene, che nuotano libere nell'acqua, e della proposizione del cadavere di una di esse, un leggendario "esemplare" delle isole Fiji, da ritenersi metà scimmia e metà pesce. Il cadavere è attorniato dai più vari simboli del mare e delle religioni, animiste e non. Il Times grida allo scandalo delle "sponsorizzazioni" e taccia la sirena di essere "sforzata". Voi che ne pensate?

  • shares
  • Mail