Il surrealismo iperreale di Erik Johansson


Giovanissimo fotomanipolatore (23enne), lo svedese Erik Johansson ha cominciato da poco a stupire il mondo con la sua capacità di elaborare le sue fotografie, ma è già fra i photoshop artist più amati dalla rete, e speriamo che presto la sua produzione possa valicare il confine fra l'esposizione sui blog di immagini più à la page e qualche piccola mostra.

Quello che emerge anche da un rapido sguardo alla gallery che gli dedichiamo è uno spirito da tardo surrealista digitale, di quelli che non dimentichino quanto sia importante che l'intellettualizzazione straniante di un'immagine iperrealistica di origine, come può essere una fotografia, abbia salde radici in una riflessione morale, estetica, funzionale sulla stessa realtà rappresentata, e non essere semplicemente un virtuosismo da tavoletta grafica fine a se stesso, come accade a tanti suoi colleghi già affermati. E, siccome Erik non dimentica neanche un'altra cosa, e cioè che il realismo non esiste neanche alla massima risoluzione possibile.

Il suo manifesto potrebbe essere nella foto che mettiamo in cima al post: autobiografico com'è (ha eseguito molti autoritratti intelligenti), ci consegna se stesso fresco come della verdura appena acquistata al supermercato, mostrando ciascun "taglio" della sua personalità versata anche in disegno architettonico, in classicismo, in puro surrealismo storico, come la cosa più spontanea e più complicata che ci sia.

Erik Johansson e la sua photoshop art
Erik Johansson e le sue fotografie
Erik Johansson e le sue fotografie
Erik Johansson e le sue fotografie

  • shares
  • Mail