L’equilibrio di Wolfgang Laib alla Fondazione Merz, Torino.

Wolfgang Laib alla Fondazione Merz

Il 9 aprile a Torino inaugura la personale di Wolfgang Laib: piccole montagne di riso, montagne di polline e un grande Ziggurat di cera d’api riempiranno tutto lo spazio della Fondazione Merz!

L’artista tedesco, outsider, mistico e filosofo, utilizza materiali naturali per produrre installazioni che nella loro essenza rimandano alle civiltà antiche del Medio Oriente e dell’Asia. Il riferimento alle civiltà orientali viene evocato dalle forme plastiche delle installazioni, dal profumo degli elementi che si diffonde negli spazi espositivi, dalla gestualità rigorosa con cui l’artista genera le forme delle sue opere.

Laib utilizza infatti forme ed elementi semplici, altamente simbolici, radicali e minimalisti: latte, polline riso, cera vengono disposti ed esposti nelle forme geometriche del triangolo, del cerchio o del quadrato, oppure vengono utilizzati per creare case o ziggurat. Ogni installazione evoca e tende inevitabilmente alla spiritualità: alla base del pensiero dell’artista vi è un’idea di equilibrio e di armonia che regola il mondo e l’opera dell’uomo, fondamentale custode dell’universo.

Il polline rimanda all’inizio e alla creazione, le montagne di riso e lo Ziggurat di cera d’api al nutrimento e al legame del cielo con la terra, il fuoco alla fine, alla distruzione e possibile rinnovamento del mondo, alla trasformazione del fisico, ad un nuovo ciclo, alla condizione del cambiamento. (Wolfgang Laib)

Anticipiamo che dall’1 al 7 giugno la Fondazione ospiterà uno speciale evento che fa parte del progetto dell’artista: quarantacinque Bramini, provenienti da uno dei più importanti templi del sud dell’India, officeranno ogni giorno il rito del fuoco, che nella cultura indiana si perpetua da millenni.

Wolfgang Laib alla Fondazione Merz
Wolfgang Laib alla Fondazione Merz
Wolfgang Laib alla Fondazione Merz
Wolfgang Laib alla Fondazione Merz
Wolfgang Laib alla Fondazione Merz

  • shares
  • Mail