Rotte Metropolitane 2009: Firenze è sommersa!

Rotte Metropolitane - Firenze

E' partita una nuova stagione di Rotte Metropolitane 2009, una grande operazione di mappatura creativa dei fermenti artistici nel territorio fiorentino. La settima edizione “Firenze è sommersa” è stata ideata da Daniele Ciullini e Marco Brizzi: “Firenze è sommersa, così come la tragica alluvione del dicembre 1966...incapace di liberarsi da un'opprimente coltre che tende a soffocare sul nascere ogni intento creativo. Eppure in questa città accadono delle cose”.

A partire da questa riflessione sono stati nominati alcuni osservatori: Nicola Santini e Pierpaolo Taddei (architetti), Giacomo Bazzani (curatore), Elisa Biagini (poetessa), Carlo Scoccianti (biologo) e Gianni Sinni (grafico). La loro ricognizione ha creato un interessante programma di appuntamenti. Tra questi mi preme segnalare ai lettori di artsblog che passano per la Toscana “Tools for Revolution or Just for Sale - Strumenti per la rivoluzione o per la vendita”, la cui inaugurazione è prevista per il prossimo venerdì 27 marzo 2009 alle ore 19 a Villa Romana.

Ci si interroga attorno all'idea di libertà. Le conquiste dei movimenti controculturali degli anni ’60 e ’70 sono state lentamente secolarizzate e il sistema economico se ne è appropriato. Pian piano il concetto di libertà è venuto a coincidere con quello di libera iniziativa economica. La richiesta di liberazione dai vincoli della tradizione è stata fatta propria da un nuovo sistema economico fondato su bisogni secondari e futili.

Rotte Metropolitane 2009 - Firenze
Rotte Metropolitane 2009 - Firenze
Rotte Metropolitane 2009 - Firenze
Rotte Metropolitane 2009 - Firenze


Gli artisti chiamati ad esprimersi su questi temi sono molti. Oggi vi diamo una piccola anteprima del lavoro di Filippo Basetti, eclettico artista e ricercatore urbano. Il suo lavoro si chiama P.I.P e quantifica il Prodotto Interno degli spazi Pubblici di relazione nel Quartiere dell'Isolotto di Firenze, che è storicamente nato e cresciuto con un forte senso di comunità sociale. Il PIP, tiene conto dei rapporti tra i cittadini e, analizzando la situazione attuale, può farci capire se esiste ancora il senso di collettività. Il valore è stato calcolato in un lasso di tempo che va dalle ore 9 alle ore 13 di un sabato mattina, percorrendo le principali zone pubbliche. L'opera artistica è così costituita da dati grafici che tracciano zone di diversa natura e da immagini fotografiche delle situazioni incontrate.

La mostra che inaugura domani resterà aperta fino al 10 aprile, dal martedì al venerdì dalle 15 alle 19 a Villa Romana in Via Senese 68 a Firenze. Se i nostri “inviati” si daranno da fare, nei prossimi giorni avremo modo di farvi vedere anche i lavori di altri artisti.

  • shares
  • Mail