[Speciale REFF - Part 3] REFF.jected launch party al Neo Club

RomaeuropaFAKEFactory - REFF.jected - Neo Club

REFF.erence si conclude con un epilogo notturno al Neo Club di Via Libetta (centro nevralgico del clubbing romano), all'insegna della musica e delle performance interattive, con REFF.jected (conteminazione fra REFF e rejected, un gruppo romano emergente che lavoro sull'idea dello scarto sociale ed estetico, location incluse).

Il pubblico è invitato al continuo remixaggio pirata di identità, giocando su concetto di inclusione/esclusione e sul remix musicale, digitale, umano, esperienziale, in un susseguirsi di performance, installazioni, vjset e djset live. Le azioni si sono suddivise nei due spazi del locale, la "Red Room", la sala all'ingresso dedicata, e il "Caveau", un ampio seminterrato in pietra con accesso attraverso delle scale.

[Foto by Francesca Canu]

RomaeuropaFAKEFactory: REFF.jected al Neo Club
RomaeuropaFAKEFactory: REFF.jected al Neo Club
RomaeuropaFAKEFactory: REFF.jected al Neo Club
RomaeuropaFAKEFactory: REFF.jected al Neo Club
RomaeuropaFAKEFactory: REFF.jected al Neo Club

Nella Red Room hanno preso vita "Empty Mirror", live performance di Global Groove, coppia di artisti visionari unfair che da venti anni lavorano sul rumore del frammento; e "Remixing People" a cura di xDxD.vs.xDxD (Art Is Open Source) e Kevin Pistone, figura storica della scena fotografica indipendente romana, dove un'installazione con webcam e software di riconoscimento visivo e un set fotografico hanno giocato insieme, fondendosi, nella scomposizione e ricomposizione dei corpi e volti dei presenti. Il tutto nella cornice del nuovo party queer ATOMIC, con i suoi immaginari di indie disco e pop osceno con Bebop ai controlli, le mostre e le performance di Martin Dee vs Industria Indipendente.

Nel Caveau, invece, una interzona ambientale tra Zanzibar e William Burroughs, con una squad di quattro djs, tre vjs ed una installazione di videoarte. Protagonista del dencefloor, la Roma sovversiva che penetra il mondo tra percorsi D.I.Y., cultura della festa ed immaginari Queer di Phag Off: Warbear connette trame e configura dancefloor libertari con un set di Incredibly Strange Techno che monta spoken words e campioni vocali a strutture narrative in quattro quarti. A seguire Bit_Repeat, resident Djs di Rejected, con un set techno e minimale.
Il fronte video è curato dal meeting mondiale di live video performance e video arte LPM, che mette a disposizione i migliori performers del roster della Visual Flyer Agency: ai controlli video le visioni umorali unpop di Infidel (Phag Off, L-ektrika,Loaded, Anarchy in the Club) e Nikky (Phag Off, Sick Marylin) ed infine della nuova scoperta del Vjing romano Aira (L-ektrika, Kitchen).
Per momenti più intimi e rilassati, l'installazione BEAT-ify, in cui perdersi nell'estasi della sinestesia tra cut-up generativi impazziti e i potenti beat del dancefloor, a cura di FLxER e xDxD.vs.xDxD.

Una serata che conclude l'attraversamento del REFF, capace realmente di passare dal senato fino ad incunearsi in un evento di clubing che mescola performance, dencefloor, tematiche identitare, mostre, istallazioni e soprattutto che nasce e si sviluppa dal tessuto intertiziale della metropoli

RomaeuropaFAKEFactory: REFF.jected al Neo Club
RomaeuropaFAKEFactory: REFF.jected al Neo Club
RomaeuropaFAKEFactory: REFF.jected al Neo Club
RomaeuropaFAKEFactory: REFF.jected al Neo Club
RomaeuropaFAKEFactory: REFF.jected al Neo Club
RomaeuropaFAKEFactory: REFF.jected al Neo Club
RomaeuropaFAKEFactory: REFF.jected al Neo Club
RomaeuropaFAKEFactory: REFF.jected al Neo Club
RomaeuropaFAKEFactory: REFF.jected al Neo Club

  • shares
  • Mail