Roma. The Road To Contemporary Art: reportage fiera

Vanitas, trapeze artist - 2007 - Nicola Bolla

Come per la parte mostre, anche quella relativa alla fiera di arte vera e propria di "Roma. The Road To Contemporary Art" (allestita a Palazzo Venezia, a Palazzo delle Esposizioni e al Complesso Monumentale di S.Spirito in Sassia) non ha mantenuto le aspettative. Meno presenze e meno contenuto innovativo. Siamo ancora ai teschi e ai brillantini. Basta, davvero Hirst ha già dato. Mi viene in mente solo tanta fotografia, tanto Bolla e qualcosa di Savini.

Se il calo di presenza sia un effetto della crisi o una conseguenza di poca convinzione verso la manifestazione non lo so, ma per me non è questo il punto. Trovo sia accettabile arrendersi di fronte alle conseguenze economiche, ma questo contrasta con la pretenziosità di questa edizione.

Molti talks, come a colmare con le troppe parole la mancanza di idee. Ho dedicato poco tempo a questi appuntamenti (anche perché è difficile gestire tutto), e forse li ho giudicati troppo in fretta e sono prevenuta. Ma ho spesso la sensazione che siano un modo per presenziare, aggiungendo poco di nuovo.

A questi eventi la parte divertente sono comunque le chiacchiere che inevitabilmente si sentono in giro (soprattutto i primi giorni, quando c'è poca gente e i collezionisti scendono per i pezzi migliori), tra gli stand, davanti alle opere o sugli shuttle. Basta tendere l'orecchio.

Roma. The Road To Contemporary Art, la fiera
Roma. The Road To Contemporary Art, la fiera
Roma. The Road To Contemporary Art, la fiera
Vanitas, trapeze artist - 2007 - Nicola Bolla
Vanitas, trapeze artist - 2007 - Nicola Bolla

  • shares
  • Mail