dead SEEquences. Le immagini scarnificate di Fabio Scacchioli


Inaugurata il 4 aprile scorso a La Porta Blu Gallery, la mostra "dead SEEquences, o della scarnificazione dell'immagine" sarà aperta al pubblico fino al 30 aprile. La Porta Blu è una deliziosa galleria situata a due passi da Campo dei Fiori a Roma e, avendo visitato la mostra proprio qualche giorno fa, ne approfitto per dedicarvi questo breve reportage fotografico.

Al centro della mostra c'è "dead SEEquences", video realizzato da Fabio Scacchioli, con le musiche di Vincenzo Core. Il video è composto da 3770 frames tratti da una vecchia pellicola e ogni fotogramma è stato lavorato a mano. Nella sala centrale della galleria si fruisce la proiezione (durata circa 30 minuti), ma "...Dentro il frame non accade mai nulla...", come afferma l'autore. Il film è infatti altrove: è inchiodato sulle pareti, nel susseguirsi di quei fotogrammi ritagliati e incollati (v. foto in alto). Allo stesso modo, alcuni di essi vengono riutilizzati e manipolati per realizzare delle tavole pittoriche con diverse tecniche, che troviamo esposte nella sala d'ingresso.

Il senso dell'operazione artistica è uno studio sulla sparizione di un’immagine, a partire dalla scelta del soggetto: un corpo nudo di donna (il corpo rimane pur sempre quanto di più tangibile l'essere umano possieda) ovvero la sua immagine. Ed è proprio nello scarto fra il corpo e la sua immagine che interviene il principio di separazione. Esattamente come fra ogni parola e il suo significato, dove l'oggetto è costretto a dissolversi per "poter essere detto". Scarnificare l'immagine è quindi il tentativo di annullare questo scarto attraverso la non comunicabilità (che, se ripercorrete al contrario l'enunciato precedente, significa sottrarsi alla dissoluzione e alla scomparsa).

Su queste ultime riflessioni potremmo certo aprire una lectio magistralis di filosofia ed estetica e non è escluso che inviteremo in futuro Fabrizio Pizzuto, curatore della mostra (e, possibilmente, Guy Debord, Derrida e Foucault), ad approfondire alcuni dei concetti espressi. Intanto godetevi il reportage fotografico. Peccato per il video, che non sono ancora riuscita a reperire online: anche se nei frame "non succede nulla", questo nulla è stato molto bello da vedere.

dead SEEquences - La Porta Blu
dead SEEquences - La Porta Blu
dead SEEquences - La Porta Blu
dead SEEquences - La Porta Blu

dead SEEquences - La Porta Blu
dead SEEquences - La Porta Blu
dead SEEquences - La Porta Blu
dead SEEquences - La Porta Blu
dead SEEquences - La Porta Blu
dead SEEquences - La Porta Blu
dead SEEquences - La Porta Blu
dead SEEquences - La Porta Blu
dead SEEquences - La Porta Blu
dead SEEquences - La Porta Blu
dead SEEquences - La Porta Blu
dead SEEquences - La Porta Blu
dead SEEquences - La Porta Blu
dead SEEquences - La Porta Blu

  • shares
  • Mail