REstART. Per il G8Ambiente a Siracusa arte, riciclaggio e responsabilità ambientale

Logo G8ambiente - SiracusaREstART (REsponsability, REspect the Planet, REcycled) è la manifestazione artistica centrale che accompagnerà i lavori del prossimo G8Ambiente a Siracusa (22-24 aprile).

Numerose le presenze di artisti internazionali che con le loro opere dovrebbero contribuire a ricostruire in termini culturali la relazione fra uomo e natura. Tra questi segnaliamo: Seward Johson Jr che esporrà il suo gigante di alluminio "The Awakening", realizzato per l'occasione con materiali riciclati; HA Schult, presente i famosi "trash people", figure ad altezza d'uomo realizzate con la compressione di materiali di scarto industriali e di consumo urbano; il Cracking Art Group che invaderà il centro storico con tartarughe colorate formato gigante (simbolo del summit) realizzate con plastica riciclata; Erika Calesini, artista che fa rivivere oggetti inanimati e abbandonati, in questo caso vecchie biciclette che diventano sculture in ferro battuto; infine Sheila McKinnon, con la mostra fotografica "Donne e Ambiente" dedicata ai volti delle donne dei paesi (così detti) in via di sviluppo.

REstART si apre al pubblico da giovedì 16 aprile per chiudersi il 26 e, al di là delle buone intenzioni degli organizzatori e del merito degli artisti (si sarebbe potuto scavare meglio agganciandosi a gruppi che promuovono azioni e progetti a cavallo di arte ed ecologia molto più incisivi e mancano momenti interattivi e workshop capaci di coinvolgere il pubblico) dovrà fare i conti col dissenso manifesto di associazioni e cittadini intorno al G8, mentre sullo sfondo della mostra restano i conflitti irrisolti dell'ambiente, il protocollo di Kyoto violato, un summit dove la maggior parte degli stati che compongono la comunità mondiale rimane esclusa...

  • shares
  • Mail