Musei gratis per gli under 26 in Francia

Francia musei gratis

Come sempre abbiamo molto da imparare dai cugini d'oltralpe, soprattutto in fatto di politiche culturali. Da sempre è noto il sostegno diretto delle istituzioni francesi all'industria culturale, grazie a politiche innovative che sostengono gli autori ed educano il pubblico.

Non ci sorprende più di tanto perciò la notizia che da aprile 2009 l'ingresso ad una serie di musei sarà gratuito per i giovani under 26 e gli insegnanti. La notizia ci fa molto contenti ma c'è di più: non solo i cittadini francesi, ma anche quelli europei under 26 avranno libero accesso alle collezioni permanenti degli oltre cinquanta musei statali presenti sul territorio. Il governo ha stanziato 30 milioni da destinare ai musei interessati.

Saranno inoltre visitabili gratuitamente alcuni monumenti come la Reggia di Versailles e l'Arco di Trionfo. Si tratta di un bel gesto da parte dell'amministrazione francese, che punta a sostenere il proprio patrimonio culturale attraverso le nuove generazioni. Stimolare interesse ed educare al bello dunque, per formare nei giovani la consapevolezza della propria storia e della propria identità, delle possibilità di sviluppo in esse inscritte. Le mostre temporanea (e quindi gran parte dell'arte contemporanea) restano a pagamento.

L’iniziativa è partita a titolo sperimentale nei primi mesi del 2008 in 14 musei e monumenti nazionali e la frequentazione è aumentata del 52% .

Un altro interessante stratagemma adottato in questi giorni dai francesi è il regalo che lo stato fa ai diciottenni: ognuno avrà l'abbonamento per un anno a un quotidiano a sua scelta. In tempi di crisi, si tratta di una misura volta a sostenere l'editoria, indirizzata però direttamente ai lettori.

Noi ci limitiamo ad osservare dalla nostra Italia, dove basta essere il giornale di un piccolo partito per ottenere finanziamenti statali. Ma nessuna misura viene presa a salvaguardia dei lettori, che vista la qualità e la quantità della carta stampata, stanno lentamente andando a scomparire.

  • shares
  • Mail