38 milioni per salvare l'ambiente. I risultati dell'asta '11th Hour' di DiCaprio

C'è una frase che Leonardo DiCaprio dice spesso: 'il destino del pianeta dipende da noi'. Lo ha ripetuto fino a convincere i ricchi collezionisti accorsi per l'asta 11th Hour, che ha raccolto 38,8 milioni di dollari.

Lo scorso 13 maggio DiCaprio ha organizzato da Christie's a New York la sua asta benefica per salvare il pianeta. 33 opere d'arte per lo più contemporanea, offerte da altrettanti 'artisti ecologisti' hanno portato l'asta a superare di gran lunga le stime di prevendita. In particolare sono stati nove lotti ad incassare oltre 1 milione di dollari l'uno. Tra questi Carol Bove, Joe Bradley, Mark Grotjahn (top lot con 6,2 milioni di dollari), Raymond Pettibon e Mark Ryden, che insieme ad altri hanno registrato record personali, portando appunto a 38,8 milioni di dollari il bottino incassato.
Adesso la parola passa ad un gruppo di esperti per la conservazione dell'ambiente, che insieme alla la Fondazione Leonardo DiCaprio coinvoglieranno i fondi verso progetti di conservazione potranno beneficiare dei proventi della vendita.
Lo stesso attore protagonista de Il grande Gatsby ha donato per la causa Ocean V di Andreas Gursky, venduto per 600.000 dollari, e ha comprato un acrilico su tela di Takashi Murakami per 700.000 dollari. Tra le altre opere sicuramente sovrastimate c'era anche un ritratto di DiCaprio dipinto da Elizabeth Peyton che ha raggiunto il milione di dollari.

  • shares
  • Mail