Le ninfee di Monet a Milano.

Le ninfee, Monet

Dal 30 aprile al 27 settembre a Palazzo Reale una nuova mostra da grandi numeri assicurati, “Monet. Il tempo delle ninfee”. Grazie al più grande prestito mai concesso all’estero dal Museo Marmottan Monet, in mostra venti grandi tele che Monet ha dedicato allo studio del suo giardino di Giverny nell’ultima stagione della sua vita e della sua ricerca artistica.

Venti tele dipinte tra il 1887 e il 1923, dedicate al suo amato giardino, progetto di una vita: nel 1890 Claude Monet acquista la casa e il giardino di Giverny, a nord di Parigi, lungo la Senna. Accanto al giardino francese, con i fiori piantati in un primo tempo, costruirà un giardino acquatico e, in uno stagno, circondato da felci, salici, rododendri e azalee, metterà a dimora le più diverse specie di ninfee: è il suo giardino giapponese, oggi il più visitato al mondo.

Quegli anni, dall’ultimo decennio dell’Ottocento al 1926, saranno per Monet “il tempo delle ninfee”, il momento a cui è interamente dedicata l'esposizione che sarà allestita nelle sale nobili di Palazzo Reale. In mostra, oltre alle opere di Monet, immagini fotografiche coeve del giardino e, a rotazione, stampe di Hokusai e Hiroshige provenienti dal Museo Guimet di Parigi, a testimonianza del forte richiamo all’arte giapponese che ebbe un ruolo determinante nell’ultima stagione della vita del maestro impressionista. Dunque Monet, ma non solo.

  • shares
  • Mail