A Pietrasanta nasce il museo virtuale della scultura e dell'architettura

Pietrasanta, ridente cittadina della provincia di Lucca e capoluogo della Versilia storica, ospita un nuovo spazio dell'arte, è il MuSA, il primo museo virtuale della scultura e dell'architettura.


A Pietrasanta nasce il MuSA, il primo museo virtuale a Pietrasanta

A Pietrasanta nasce il MuSA, un nuovo spazio dell'arte e il primo museo virtuale della Scultura e dell'Architettura nella Versilia storica. Siamo in provincia di Lucca, tra paesaggi mozzafiato affacciati sulla maestosità delle Alpi Apuane e tra un patrimonio artistico-culturale ricco di storia e tradizione. Il museo virtuale della Scultura e dell'Architettura si propone in questo contesto come un nuovo modo di conoscere e parlare di arte in relazione alla ricchezza di costumi del territorio locale.

La relazione con il marmo, in questo contesto in particolare, diventa imprescindibile. Da qui parte questo innovativo progetto per uno spazio di arte visiva accolto nei suggestivi locali di un ex laboratorio di artigiani della pietra splendente. Un museo pensato in due dimensioni, quella reale e palpabile e quella virtuale, ponendosi all'avanguardia nel settore.

Il concept infatti si sviluppa a partire dei sempre più presenti sistemi multimediali, per offrire ai visitatori una art experience interattiva a 360 gradi. Attraverso la rete, si possono esplorare e conoscere i luoghi e le mostre del MuSA, un assaggio che porta con sè la curiosità di una visita fisica alle esposizioni in corso. Nel web si può poi navigare per scoprire le cave più emblematiche di Pietrasanta, esplorare i siti dell’escavazione; visitare i numerosi laboratori, ma anche ascoltare le interviste a scultori ed architetti, che al marmo dedicano la loro esistenza ogni giorno.

A Pietrasanta nasce il MuSA, il primo museo virtuale a Pietrasanta
A Pietrasanta nasce il MuSA, il primo museo virtuale a Pietrasanta
A Pietrasanta nasce il MuSA, il primo museo virtuale a Pietrasanta

Il MuSA ha come obiettivo la valorizzazione delle relazioni tra materia, lavoro, imprese, arte e cultura e come strumenti uno spazio fisico ed uno virtuale. Il primo contiene il secondo, ma il secondo vive anche di vita propria, trasmettendo in rete e recependo dalla rete messaggi, immagini e suggestioni. Il marmo, materia pesante per eccellenza, diventa in questo processo leggero. Perché il mondo virtuale contiene e comunica non solo la pesantezza della materia, ma anche la storia del lavoro che la trasforma e la rende di volta in volta scultura, ornamento, architettura, capolavoro. Ed è partendo da questo concetto che nasce Leggera Materia, il primo ciclo di eventi realizzati dal MuSA. Mostre, proiezioni video e seminari coordinati da Massimo Marsil, dirigente responsabile del museo, che si terranno a Pietrasanta tra giugno e ottobre, coinvolgendo istituzioni culturali, categorie economiche, centri regionali di servizi all’impresa e associazioni.

Per inaugurare il primo museo virtuale di Pietrasanta dedicato alla Scultura e all'Architettura il 14 giugno è stato pianificato l’evento Officina contemporanea, a cura di Alessandro Romanini, direttore del Centro di Arti Visive di Pietrasanta e docente all’Accademia di Carrara. Il via poi con una mostra, Radical Minds – Radica Design, per tuffarsi nel vivo dell’architettura e del design radicale, ed un ciclo di proiezioni, Scolpire il tempo, che presenterà documentari e video creazioni su personaggi del mondo dell’arte, del design e dell’architettura. Quest'esposizione sarà in scena fino al 21 luglio. Per tutte le info delle mostre Leggera Materia e degli eventi successivi dell'estate 2013 al MuSA sono già disponibili tutti i dettagli, orari e costi, sul nuovo sito ufficiale del museo o sulla pagina Facebook.

  • shares
  • Mail