Al via a Bologna Videoart Yearbook 2009

william kentridge

Qualche tempo fa vi avevamo parlato del volume edito da Fausto Lupetti Editore, oggi vi presentiamo la quarta edizione di Videoart Yearbook, la rassegna annuale della videoarte italiana. Il periodo è quello compreso fra il 9 e l'11 luglio, la sede è il Chiostro di Santa Cristina a Bologna. Avviato nel 2006 dal Dipartimento delle Arti Visive dell’Università di Bologna, il progetto si propone di costituire una mappatura della ricerca nella videoarte in Italia. Uno sguardo che parte dal mondo accademico per dare risalto all'evoluzione delle tecniche di rielaborazione dell'immagine digitale in movimento.

Con la collaborazione di Unibo Cultura, ArtVerona, Istituto Italiano di Cultura di Toronto, Videoart Yearbook 2009 propone artisti affermati e giovani scoperte provenienti dalle accademie di belle arti. Ad arricchire questa edizione un omaggio a William Kentridge, artista sudafricano, capace di proporre videoinstallazioni e videoperformance delicate e sensuali. Un lavoro in bilico tra artigianato, disegno e e poesia, che verrà presentato giovedì 9 alle ore 18 -giorno d'inaugurazione della rassegna - e venerdì 10 alle ore 16. Le proiezioni riguarderanno la serie Soho Eckstein, il ciclo Zeno, il famoso video Tide Table, e le otto video-performances della serie I am not me, the horse is not mine, che hanno riscosso successo alla Biennale di Sidney del 2008.

Le proiezioni degli artisti selezionati per Videoart Yearbook 2009 cominceranno giovedì 9 alle ore 22 nel maxischermo all'aperto del Chiostro di Santa Cristina a Bologna. Evento finale della rassegna sabato 11 luglio, ore 22 – con la proiezione di una selezione delle opere video meglio rappresentative delle tre precedenti edizioni. Che altro dire...l'ingresso è gratuito, per maggiori info sul programma visitate il sito.

Videoart Yearbook 2009
Videoart Yearbook 2009
Videoart Yearbook 2009
Videoart Yearbook 2009

  • shares
  • Mail