Puki Pacifista Parade

I "Pukis" (parola che in lingua filippina significa vagina) sono opere su carta dell'artista americana Raynolsd, piccoli acquerelli di “guerriglia” che deridono i capolavori di pittura, viaggiando in tutto il mondo. Vi chiederete come fanno a "viaggiare", posto che non si tratta di semplici spedizioni aeree ed esposizioni canoniche.

Gli acquerelli, che rappresentano generalmente storie scomparse o nascoste e dimenticate dalle "grandi narrazioni", sono infatti accompagnati da una video-installazione nomade, la "Puki Procession", dove - issati su dei banner - i dipinti vengono trasportati in processione dai partecipanti in vesti rituali.

Il 6 agosto a Roma, a partire dallo Studio.ra che ospita la mostra, avrà luogo la Puki Pacifista Parade, una performance partecipativa che, insieme ai Puki, celebrerà l'antica Goddess irachena ormai scomparsa e quei riti indigeni minacciati dalla pressione delle culture egemoniche, seguendo un percorso simbolico attraverso il parco della Caffarella, il fiume Almone fino alla Fonte della Ninfa Egeria, per poi ritornare al punto di partenza e per godersi un rinfresco.

La Raynolds, che ha studiato pittura con Richard Pousette-Dart al Sarah Lawrence College e si è laureata con una specializzazione in "Women’s History", per l'occasione ha creato i costumi per chi ha già aderito alla performance: ma chi volesse, inoltre, può anche indossare i propri costumi rituali, di feste o sagre.

Via|Art a part of cult(ure)

  • shares
  • Mail