Speciale Banksy Vs Bristol Museum [Atto 1, scena 2 - Il Parco Giochi]

banksy vs bristol Museum

Al centro della stanza, un pratino artificiale di plastica su una pedana leggermente rialzata riproduce lo scorcio di una zona ludica per bambini, che sembra strappata ad una delle tante periferie urbane inglesi (e non solo). Qualche fiore sparso anch'esso di plastica, un carrello della spesa ribaltato, residui di spazzatura e al centro l'oggetto più invasivo della scena: il furgoncino/infopoint che fra statue e arredamento originale del museo è un atto dichiarativo: "sono arrivato e adesso sto qua...".

Sinceramente pensavo che l'installazione finisse più o meno là e invece è il retro a riservare la sorpresa maggiore. Su un cavalluccio giallo a chiazze marroncine, di quelli dove i bambini inseriscono una monetina per godersi una breve cavalcata, un poliziotto a grandezza naturale in assetto da sommossa nel fa splendidamente le veci. Il cavallino dondola ritmicamente e il robot/poliziotto, con casco e passamontagna, che lascia intravedere solo gli occhi stretti a fessura e un po' allucinati, lo segue, un poliziotto che gioca come a voler dimenticare la sua identità. O forse, nello stridore di questi due mondi congiunti (violenza-repressione-guerra vs gioco) c'è solo poesia: quella di un sogno a occhi aperti, di una realtà immaginifica e profondamente simbolica che si materializza. Proprio come quell'enorme gelato che si squaglia sul tetto del furgone.

Bellissimo un dettaglio, che forse non distinguibilissimo nelle foto: sullo stemma l'uniforme riporta la dicitura "Metropolitan Peace"...

Il viaggio continua con "Le stanze di Banksy, Atto 3".

Vs Bristol Museum - Il Parco Giochi
Vs Bristol Museum - Il Parco Giochi
Vs Bristol Museum - Il Parco Giochi
Vs Bristol Museum - Il Parco Giochi
Vs Bristol Museum - Il Parco Giochi
Vs Bristol Museum - Il Parco Giochi

Vs Bristol Museum - Il Parco Giochi
Vs Bristol Museum - Il Parco Giochi
Vs Bristol Museum - Il Parco Giochi
Vs Bristol Museum - Il Parco Giochi

  • shares
  • Mail