Start a Milano: i video di Kutluğ Ataman, tra Oriente e Occidente

Kutluğ Ataman

Tra i vari opening in occasione di Start, a mio avviso vale sicuramente la pena di segnalare la mostra “Dictionary”, prima personale italiana di Kutluğ Ataman, uno dei più importanti e interessanti artisti contemporanei turchi. La mostra aprirà il 18 settembre presso la galleria Francesca Minini, e rimarrà aperta fino al 7 novembre.

Artista e filmmaker, Ataman (1961) presenta a Milano il suo nuovo progetto “Mesopotamian Dramaturgies”, incentrato sulla globalizzazione e le sue contraddizioni nelle realtà del mondo turco. I video in mostra saranno The Complete Works of William Shakespeare, English as a Second Language e Strange Space, tutti incentrati sul tema del linguaggio e le riflessioni che l'inglese come lingua globale offre.

In breve... il primo è la trascrizione a mano dell'intero corpus di Shakespeare, con la calligrafia dell'artista che scorre sullo schermo. Nel secondo, due turchi che non sanno l'inglese leggono a voce alta i testi senza senso del poeta Edward Lear. Strange space è invece un'installazione: girato in un’area desertica della Turchia orientale, il video mostra l’artista che cammina bendato in un grande spazio. Da guardare e da pensare. L'intero progetto verrà riproposto al MAXXI di Roma nel 2010, in occasione di una nuova personale di Ataman che probabilmente coinciderà con l'ormai quasi prossima inaugurazione del museo.

Kutluğ Ataman
Kutluğ Ataman
Kutluğ Ataman
Kutluğ Ataman
Kutluğ Ataman

  • shares
  • Mail