God has left the building, l'arte del nastro adesivo a Pisa


Eccoci a parlarvi di una nuova tendenza artistica, l’adhesive tape art o meglio l’arte del nastro adesivo. Aspettate a storcere la bocca, perché si tratta di qualcosa di realmente innovativo ed interessante. Innanzitutto si parla si una tendenza e non di un vero e proprio movimento, visto che i “tape artists” sono pochi e sparsi in giro per il mondo.

I tipi del Cantiere San Bernardo in pieno centro storico a Pisa (via Pietro Gori), spazio polivalente che ospita e produce eventi di grande qualità, hanno chiamato un grande nome dell’adhesive tape art. L’australiano Buff Diss, di Melbourne, è un giovane artista che usa il nastro adesivo per creare enormi immagini che prendono posizione nel paesaggio urbano. Marciapiedi, mura, fermate degli autobus, cartelloni pubblicitari, automobili, ogni superficie disponibile è buona.

Il suo lavoro è passato da Tokyo, San Francisco, Parigi e Reykjavik. Nei giorni 25-26-27 settembre e 2-3-4 ottobre dalle ore 19.00 Buff Diss presenterà la sua prima personale europea, una grande installazione ambientale intitolata God has left the building (Dio ha lasciato l’edificio). Il titolo allude alla sede che ospita l’evento, l’ex chiesa di San Bernardo appunto.

Un approccio ironico e curioso nei confronti di quanti l’hanno preceduto, quei Giovan Battista Tempesti e Tommaso Tommasi che intorno alla metà del '700 decorarono San Bernardo con meravigliose immagini sacre.

La chiesa verrà invasa anche da una sorta di Torre di Babele che Diss innalzerà fino al soffitto per cercare di portare la sua “arte dell’eresia” (come lui stesso ama definirla) fuori dai confini della chiesa e “convertire” pacificamente le vie di Pisa.

L'artista sarà presente per tutta la durata della mostra, perfezionando e continuando i suoi lavori accompagnato dalle note dei dj del Cantiere. God has left the building avrà però vita breve, dopo i sei giorni d’esposizione il nastro adesivo verrà rimosso e le opere se ne andranno per sempre.

  • shares
  • Mail